Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Primi Piatti: La zuppa yemenita con carne e ossa
Cucina
Typography

Cinquantamila profughi ebrei yemeniti sono stati assorbiti in un anno da Israele (1949-1950). Furono aerotrasportati con le loro sole tradizioni e famiglie

Cinquantamila profughi ebrei yemeniti sono stati assorbiti in un anno da Israele (1949-1950). Furono aerotrasportati con le loro sole tradizioni e famiglie

zuppa yemenita
zuppa yemenita

 

Dal punto di vista culinario, questa operazione segreta di evacuare dallo Yemen tutti gli ebrei yemeniti fu un grande successo: questi portarono la loro cucina ricca e piccante, con le loro selezioni deliziose di zuppe genuine, condimenti, tipi di pane e focacce.

Alcuni dei loro piatti tipici sono stati adottati da noi, come il «Jachnun» – una sfoglia sottile di pasta di pane, condita con olio, arrotolata a forma di cilindro e cotta durante la notte. Jachnun è diventata una delle tante colazioni israeliane durante lo Shabbat, che fa ingrassare ma allieta e conforta i commensali. In questi giorni è così popolare che la vendono dappertutto, anche nelle principali autostrade del Paese. Un altro piatto tradizionale introdotto dagli yemeniti e importato con successo da Israele è la zuppa yemenita. Che nome semplice per il paradiso! È la minestra che desideri quando fuori fa freddo e piove, o quando hai l’influenza e non riesci a pronunciare una “N” decente da settimane. La minestra yemenita è ricca di carne e ossa, cucinate per ore a fuoco basso. È densa, appiccicosa e acre e lascia un retrogusto patinato di carne. La zuppa yemenita è insaporita con «Hawaiej» – un mix tradizionale di cumino, curcuma, cardamomo e altro. Aggiungerò la ricetta alla fine per chi non può comprarlo. La zuppa è quindi servita con Hilbeh, un condimento schiumoso a base di semi di fieno greco. Non lo utilizzo mai. È delizioso e molto salutare, ma dopo averlo mangiato, odori di fieno greco per circa una settimana.

Preparazione:
1. Preriscaldate il forno a bassa temperatura (120 gradi)
2. Pulite le ossa: mettetele in una pentola grande piena d’acqua e fate bollire. Lasciate cuocere per dieci minuti, quindi scolate e lavate.
3. Scaldate l’olio in una padella, scottando i cubetti di carne su tutti i lati. Mettete da parte. Aggiungete dell’acqua (circa 250ml) alla padella, e grattatene il fondo con un cucchiaio di legno.
4. Versate in una pentola grande: la carne scottata, le ossa pulite, l’acqua della padella e altri 2,5 litri d’acqua. Portate a ebollizione.
5. Aggiungete I restanti ingredienti, eccetto il sale, e mescolate. Chiudete la pentola e riponetela nel forno per almeno 4 ore (meglio per tutta la notte). Condite con sale, hawaiej e peperoncino per insaporire il preparato
6. Un piccolo segreto – la zuppa è più buona il giorno dopo. Servite con pane fresco.

Misto di spezie Hawaiej (utilizzate spezie macinate, le più fresche possibili:
Mescolate 1 cucchiaio di cumino, 1 cucchiaio di curcuma, 1 cucchiaino di cardamomo, 2 cucchiaini di coriandolo, ¼ di cucchiaino di chiodi garofano. Conservate in un contenitore ermetico. (Corriere.it)











VISITA IL SITO NUTRILAB