Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Settembre Rendese 2015, cinquantesima edizione: i Big in scena dal nove settembre

RENDE (COSENZA), 16 agosto: il calendario del Settembre Rendese è pronto

Il calendario del Settembre Rendese, salvo qualche ritocco è pronto. Un Settembre Rendese importante perché si festeggia il cinquantesimo anno di una manifestazione che è nel cuore dei rendesi, ma non solo.

RENDE (COSENZA), 16 agosto: il calendario del Settembre Rendese è pronto

Il calendario del Settembre Rendese, salvo qualche ritocco è pronto. Un Settembre Rendese importante perché si festeggia il cinquantesimo anno di una manifestazione che è nel cuore dei rendesi, ma non solo.

E anche quest’anno l’Amministrazione Manna con il suo assessore alla Cultura e agli Eventi Vittorio Toscano non si è tirata indietro e, per tempo, ha preparato un cartellone degno di questo nome:

“E’ stato difficile far quadrare i conti - sottolinea l'Assessore Toscano - ma siamo pronti”. Toscano, ribadisce, ancora una volta, la natura di questo Settembre Rendese che come lo scorso anno mira a valorizzare e a metter in vetrina le capacità organizzative, artistiche e umane del nostro territorio, ma quest’anno c’è qualche sorpresa in più grazie anche al contributo degli sponsor privati che per questa edizione storica non si sono fatti pregare più di tanto a scendere in campo.

Anche se Rende è in attesa del contributo della Regione Calabria; pare, infatti, che sia rientrata nei finanziamenti per gli eventi storicizzati, ma questa notizia non è ancora ufficiale. E alla vigilia del Ferragosto, confezionato e pronto, eccolo il regalo alla città con i primi nomi dei protagonisti che animeranno le serate al ritorno dalle meritate vacanze.

E se il teatro all’aperto si concentrerà soprattutto nel borgo antico, la musica d’autore e i concerti avranno come location la piazza del Museo del Presente. Quindi sarà una serata completa dove più generazioni potranno godere di uno spettacolo senza fine. Altra chicca da segnalare è lo spettacolo di Martufello il 24 settembre a Saporito di Rende.

Questi saranno i Big che andranno in scena dal 9 settembre: Anna Tatangelo ed Il Cile il 16 settembre alla Piazza del Museo del Presente per il gran concerto del Settembre Rendese; Manlio Dovi' con il suo ultimo Musical Burlesque giorno 11; il comico Paolantoni il 12; il 13 Giuliana De Sio, grande attrice italiana che con i "Musicisti Napoletani" intratterranno il pubblico nel Borgo Antico, che per l'occasione si trasformerà in un gradevole teatro all’aperto, scenario fantastico e grande patrimonio storico-culturale della città.

Tre date per rilanciare un palcoscenico naturale sul panorama nazionale, come luogo di grandi eventi. Grandi artisti che saranno preceduti da quelli del nostro territorio che tanto hanno entusiasmato nella scorsa edizione.

Si aprirà mercoledi 9 con la mostra InterConnessione promossa dall'associazione Art Space Studi, per poi proseguire durante la kermesse con la promenade di musica classica e la via dei vini al centro storico; giovedi 10 settembre alle 18.00 al Museo del Presente il giornalista Franco Di Mare presenterà il suo libro “Il Caffè dei Miracoli” e sabato 26 settembre sempre alle 18.00 e al Museo del Presente sarà la volta dello scrittore Erminio Amelio con il suo libro “ L’omicidio di Nicola Calipari”. Queste sono solo le prime anticipazioni di ferragosto, ma c’è, da aspettarsi altre sorprese da questa amministrazione targata Manna.

La prima cosa che ci appare chiara, è il gran gioco di squadra voluto dall'assessore Toscano che dal giorno del suo insediamento è stata l'arma vincente di tutte le sue iniziative. Il segreto di questo successo, oltre al gioco di squadra, a nostro avviso sta nella capacità di gestire al meglio le pochissime risorse a disposizione nella massima onestà, mantenendo i conti in ordine, e rivolgendo la sua azione per il bene di tutti i cittadini rendersi e non del singolo.

Solo così questa Città potrà acquisire le giuste credenziali per essere considerata dagli imprenditori un luogo attrattivo di nuove iniziative che possano trasformarsi in un volano importante per l'aumento dei flussi turistici. Comunque vada questo settembre rendese, anche se alcune testate giornalistiche lo giudicano nazional-popolare, per come Gramsci definisce questo termine, soddisferà il gusto non solo di élites ristrette ma della maggior parte di quel pubblico che oggi giorno si sta allontanando sempre più da quel provincialismo asfittico, tipico di dell'italiano meschino", riconoscendo che la Cultura del passato promossa in Città ha lasciato sulla Stessa solo cenere e una montagna di debiti da ripianare.

Si punta molto sul borgo antico. Il sindaco di Rende Marcello Manna ha detto fin dall’inizio del suo insediamento che “sarà più difficile riportare la gente al centro storico che uscire dal predissesto”, ma questo Settembre Rendese è l’occasione giusta per concretizzare quella spinta preparata a tavolino in questo primo anno di legislatura.

Partiranno progetti importanti, ma gli eventi dice il sindaco Manna: “devono e possono aiutare ancora di più questo nostro processo di avvicinamento a rendere il Borgo Antico di nuovo abitabile e vivibile nella quotidianità” e anche per questo motivo l’assessore Toscano nel cartellone ha dato centralità ad una Rende Paese che ha tanta voglia di ritornare animata e viva come ai bei tempi.

Settembre Rendese 2015, cinquantesima edizione: i Big in scena dal nove settembre
Settembre Rendese 2015, cinquantesima edizione: i Big in scena dal nove settembre
Settembre Rendese Edizione 2015, grande successo di pubblico
Settembre Rendese Edizione 2015, grande successo di pubblico