Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il sale delle donne e il sorriso dei bambini. Accordi di musica e voce

Cultura Calabra
Typography

L'identita' di un popolo passa attraverso le donne e i bambini.

Nocera Terinese, Canara Republic Music Company,
Nocera Terinese, Canara Republic Music Company, "Prima donne e bambini"

Le donne e i bambini in tutte le culture sono considerati il pilastro portante della societa' e in quanto tali, sono preservati in nome di un ideale di continuita', cosi' come costretti alla morte da una follia distruttrice. Preservare e sterminare sono il doppio volto di una stessa medaglia emblema di una civilta' istintiva confinata in una visione stretta dell'esistenza che non sa guardare e abbracciare ideali di infinito. La linea di confine tra il compiuto e l'oltre si fa piu' evidente nei momenti di aspro conflitto con il diverso, causa molte volte dell'inasprimento delle proprie posizioni incapaci di accogliere l'altro in un rapporto di dialogo, Nelle societa' cosiddette poco evolute la donna e' piegata al silenzio che non e' sinonimo di pienezza ma di uno svuotamento che colpisce la dignita' femminile nel suo stato piu' viscerale. La donna e' sottomessa perche' incontenibile come un fiume che spacca gli argini occupando ogni spazio.

Un piano di invasione ben studiato tende ad agevolare la presenza delle donne perche' conservatrici della progenie, e ha in considerazione i bambini. Se si vuole impietosire gli stranieri, un popolo che cerca risposte di accoglienza manda in prima linea bimbi e donne, li espone come cenci di bandiere di remissione, cercando d solleticare sentimenti di pietismo. Il confine di guardia tra impeto di violenza e speranza di accoglienza e' molto labile e non cancella, bensi' contiene, il tabu' ancestrale che mortifica la donna perche'portatrice di un mistero insondabile e non rivelabile che la rende al contempo femmina (oggetto di tangibile desiderio) e madre ( dispensatrice di vita e quindi sacra). Questa doppia valenza scatena risposte molte volte di violenza all'interno di una societa' impiantata su modelli ancestrali che imitano l'ambiente ferino in cui sono immersi, pertanto organizzate in clan.

Di donne e bambini si e' parlato mercoledì 23 agosto nel caffe'concerto dei Canara Republic Music Company realizzato nella suggestiva e sobria cornice del chiostro del convento dei Cappuccini sconsacrato e reso contenitore di arte e dialoghi culturali, nel paese di Nocera Terinese in provincia di Catanzaro.

Lo spettacolo di sole chitarre e voce dal titolo esplicativo Prima donne e bambini i ha voluto sottolineare l'importanza culturale e sociale di entrambi gli elementi portanti, interpretando universalmente il codice cavalleresco e marinaresco che vede in caso di emergenza in mare la salvezza in primis di donne e bambini. Una interpretazione in chiave libera che e' andata ben al di la' dei limiti culturali imposti dagli stereotipi, cosi come della soggettivita' epocale e sociale a cui e' piegata soprattutto la donna. Una cavalcata nella sensibilita' dell'universo femminile spaziando tra culture ed epoche, consentendo agli astanti di cogliere l'elemento imprescindibile e universale che pregna la donna e la incide nella sua piu' intima sofferenza. Il tutto porto attraverso un uso della voce sobrio e al contempo deciso, capace di fendere il silenzio del luogo, che Fernanda Gigliotti ha saputo modulare attraverso il canto e la lettura. Accordi di chitarra melodiosi e riguardosi del testo hanno amplificato le emozioni trsmesse dalla voce, con variazioni virtuosistiche sul tema di base capaci di conferire ulteriore finezza a un contesto di per se' magico.

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra