Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

L'Immacolata Concezione e la benedizione delle bandiere

Cultura Calabra
Typography

Il giorno dell'Immacolata a Paola in provincia di Cosenza si celebra la cerimonia solenne della benedizione delle bandiere relative al Regno delle Due Sicilie, arbitrariamente conosciuto come Regno Borbonico.

L'Immacolata Concezione e la benedizione delle bandiere

 

Tale cerimonia risale all’8 dicembre 1812 quando Ferdinando I di Borbone annunciò l'istituzione del Regno. La devozione della nobile famiglia borbonica nei riguardi della Madonna è costellata di vari episodi che rivelano una profonda fede da parte dei regnanti. Fu proprio Francesco II a rivolgersi in preghiera all’Immacolata chiedendole protezione, nonchè di appoggiare il suo programma.

Patrono del Regno delle Due Sicilie era proprio San Francesco di Paola per la devozione dimostrata dai frati minimi nei confronti dei Borbone. I rappporti distesi tra gli ospiti del convento e la famiglia reale furono a capo della decisione di re Ferdinando II e del figlio Francesco I di autoinvitarsi al convento. L'obiettivo della Fondazione Francesco II, presente alla cerimonia di benedizione delle bandiere, è quella di riqualificare la figura di tale re al quale va il merito di aver consolidato il Regno nel nome di Dio. Di chiara ispirazione cattolica, la Fondazione Francesco II è presente ovunque. La sua bandiera la troviamo persino a Venezia, a dimostrazione di una diffusa mentalità di appartenenza territoriale alla base del processo di unificazione di tutta la Penisola.

La cerimonia di benedizione quest'anno a Paola si è tenuta nella chiesa storica di San Giacomo e ha visto partecipi al fianco del celebrante Padre Casimiro Maio, il cavaliere semplice Mimmo Greco del Sacro Ordine Militare Costantiniano di San Giorgio, l'ordine cristiano più antico, e Giuseppe Scalzo come rappresentante dei briganti che nel Sud Italia difesero con tenacia le loro terre dagli usurpatori piemontesi. Non ultimo Don Massimo Cuofano della Fondazione Francesco II di Borbone. La celebrazione solenne ha visto incrociarsi i due caratteri della storia del Regno, l’uno sacro e l’altro profano, alla base del sodalizio popolo-Borbone. Lo stesso binomio riscontriamo nella figura dell'Immacolata espressione di totale abbandono alla Grandezza Divina, che la renderà piena di Grazia e Madre. Nei momenti salienti la funzione è stata allietata dai partecipati canti del soprano Elena Patitucci.

Nel pomeriggio, si è tenuta presso il Santuario di San Francesco la sfilata in costume promossa dall'associazione di rivisitazioni storiche di San Lucido presieduta da Enzo Trunzo e Brunella Iannuzzi. A tale manifestazione è seguito il momento solenne della deposizione delle rose ai piedi della statua dell’Immacolata presente nel Santuario.

L'Immacolata Concezione e la benedizione delle bandiere
Paola (CS). L'Immacolata Concezione e la benedizione delle bandiere

 

L'Immacolata Concezione e la benedizione delle bandiere
Paola (CS). L'Immacolata Concezione e la benedizione delle bandiere

 

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra

VISITA IL SITO NUTRILAB