Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Oltre il finito. Sobrieta' e varchi nell'Incompiuto
Cultura Calabra
Typography

Domenica, 21 maggio ricorre la giornata dell'ADSI (Associazione Dimore Storiche Italiane) che con il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo mira alla divulgazione e alla conservazione delle dimore nobiliari e gentilizie disseminate lungo tutto il territorio italiano come testimonianze di autentica storia locale e non solo.

Domenica, 21 maggio ricorre la giornata dell'ADSI (Associazione Dimore Storiche Italiane) che con il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo mira alla divulgazione e alla conservazione delle dimore nobiliari e gentilizie disseminate lungo tutto il territorio italiano come testimonianze di autentica storia locale e non solo.

Personale della signora De Martino dal titolo
Personale della signora De Martino dal titolo "Sculture, disegni e ritratti"


Qui nel Sud sono tanti i palazzi con un passato sbiadito, spesso reso monco dalla modernità che sacrifica pezzi importanti della dignità e dell'identità dei luoghi.

Tra le località segnalate dall'ADSI qui in Calabria, risalta Amantea con il prestigioso palazzo Carratelli nel centro storico della cittadina tirrenica cosentina, eretto nel 1400 e oggigiorno di proprietà dei coniugi De Martino. Dotata di una spiccata sensibilità artistica la signora Camilla ha messo il maestoso atrio e i vani del primo piano del palazzo a disposizione di personali e collettive d'arte di pregevole interesse, privilegiando l'espressività artistica legata al contesto amanteano.

Mosaico in legno di Giuseppe Zampini
Mosaico in legno di Giuseppe Zampini

Inglese di origini, la signora Camilla De Martino, pittrice e scultrice lei stessa, ha reso omaggio alla giornata dell'ADSI presentando la sua personale incentrata sui ritratti di volti maschili e femminili in pittura e scultura. Nell'atrio per l'occasione sono presenti le opere a mosaico in legno dell'artista amanteano Giuseppe Zampini. Tali opere presenti nella mostra dal titolo Vedute architettoniche sono un'ode visiva rivolta all'architettura italiana che ha saputo nella storia edificare chiese, palazzi e borghi puntando sulle rigide conoscenze matematiche e geometriche, senza però togliere spazio alla dimensione creativa. Nella minuziosa attenzione con cui ha disposto le singole tessere di legno nella riproduzione a mosaico delle opere, Giuseppe ha lasciato parlare il proprio estro che impalpabile come un volo solca la sensibilità dell'osservatore che si sofferma sulla ricercata scelta dei legni, nonchésulla creazione e non semplice ricreazione di due opere inserite nella mostra.

Se scopo dell'arte è promuovere il viaggio dell'anima oltre i confini puramente razionali e materici dell'artista, la personale della signora De Martino dal titolo Sculture, disegni e ritratti riflette e si uniforma a questa inconfutabile verità, intraprendendo un percorso all'incontrario rispetto al comune pensiero. E' opinione diffusa infatti, ritenere che il cammino dell'uomo consti di una serie di passaggi che vanno dalla completezza dell'incipit alle fasi del denudamento che si conclude con la totale spoliazione del superfluo. L'artista Camilla invece, parte proprio dal non finito per stimolare in chi guarda, l'arricchimento delle opere da lei proposte, scomponendo il dato oggettivo che riemerge nei singoli microcosmi degli osservatori, ciascuno con una propria identità. L'arte così non si pone come compressione o accademica costipazione del reale, bensì è respiro vitale, prodigioso balsamo di ringiovanimento che dalla singola opera si espande fino a pervadere ciò che è impregnato di storia. Il trascorso, considerato erroneamente uno scrigno chiuso e concluso, comunica al contrario freschezza. Esso può rinverdire sotto la spinta di un proficuo dialogo tra artista e fruitore. Quindi, evolversi.

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra












VISITA IL SITO NUTRILAB