Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Momo, la voce del tempo

I ricordi sono un dono della vita e per raccoglierli c'è bisogno di tempo, tempo per vivere, esplorare, raccontare

Silenzio e vita, presenza e assenza, ci rammentano l’Eterno in ciò che fluisce. I ricordi sono i fiori dell'anima e necessitano di tempo e pazienza per portarsi a maturazione, altrimenti sono solo pietre d’intralcio lungo un incerto cammino. Si è soliti associare il rammento delle esperienze ed emozioni vissute al tempo della vecchiaia, quasi questo fosse la stagione della raccolta ormai esaurita.

L'esperienza epifanica e la mitopoiesi dell’Infinito

Tutti conosciamo l'Epifania perché associata a uno degli episodi riguardanti la natività del Cristo, per come c'è stata trasmessa dai Vangeli, ma in pochi collegano l’esperienza succitata ad altre situazioni che, per quanto contraddistinte da alto valore simbolico, non vengono contemplate come sacre. L'Epifania è l'episodio magico che definisce un'opera d'arte nella sua universalità.

Il Realismo Fantastico

Il Realismo Fantastico non considera il Magico espressione di un agente esterno (Principio Assoluto) secondo i canoni della filosofia classica, bensì insito nella Natura stessa che si spiega secondo un preciso sistema di regole al di fuori della contemplazione razionale, capace quindi di sorprendere l'animo sensibile sottoforma di incantesimo.

Jack London

Erroneamente ridimensionato a scrittore di narrativa per ragazzi, ha dietro di sé un bagaglio culturale di straordinaria rilevanza