Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il Giappone oggi, tra lirismo e fuga

Invito alla lettura
Typography

Siamo nati dal suono che ci ha portati a librarci nella luce.

Gold leaf oil painting by American artist Brad Kunkle
Gold leaf oil painting by American artist Brad Kunkle

Ogni parola serba l'incipit della vita nella ridondanza della luce che riempie lo spazio e veste il Creato di colori. Il colore ci fa essere, volare leggeri nell'anelito di liberta', per consentirci poi di rientrare in noi stessi, nella nostra embrionale dimensione, nella notte. La notte non puo' essere circoscritta. Essa e' amalgama di anime che trasudano il consumo del giorno e il suo pianto. Il colore e' suono, confine e profumo. Il colore e' al principio di ogni storia enucleata da una protostoria che abita il limbo della notte. Il colore si veste di alba e accarezza i profumi lungo i percorsi della vita. La notte e' concentrazione e assenza. Ma proprio di notte, quando i petali si raccolgono a uovo intorno alla loro origine e la vertigine dei colori si ritira, i profumi solcano fiumi che trattengono negli argini i pensieri e lasciano esondare le emozioni. Si e' vivi quando si sogna, perche' nel sogno si e' veri e autentici. Di giorno dormiamo sulla rotta delle nostra acquiescenza alla rugginosa routine.

Il sogno e' di chi si scopre tutt'uno con la Grande Madre primigenia. La notte allora diviene la strada di una riesumazione perduta. Eppure, li' dove si avverte l'urto di uno sballottamento disorientante, l'uomo si ritrova. Il buio e' totalita', la schiuma che ci avvolge nell'onda e riparte per il largo per poi ritornare. La notte e' sincerita' nella modernita' del caos. La dimora degli antenati che non ci abbandonano dal sacro tempio avvolto nelle nebbie.

Banana Yoshimoto
Banana Yoshimoto

In questo Banana Yoshimoto e' un'autentica maestra che ricalca il respiro di Mishima calandolo nel Giappone dei nostri giorni. I suoi personaggi reclamano discrete richieste di aiuto a uscire dalle gabbie di una solitudine irriverente limata da un acuto senso estetico che non comprime i sentimenti ma li riveste di autentico lirismo. Colori, profumi, necessita' di sentirsi tangibili fanno delle opere della Yoshimoto dei capolavori da gustare con tutti i sensi, da apprezzare con stile come gli stessi manga a cui lei si ispira.

Haruki Murakami
Haruki Murakami

Di tutt'altro registro le opere di Haruki Murakami apprezzatissimo nel continente americano simbolo della modernita' occidentale che non ama guardare indietro verso il passato che viene ricreato attraverso i miti del benessere. I giovani raccontati da Murakami sono spesso nuvole nella tempesta con un suo principio accentratore che nelle opere del suddetto scrittore sembra sfuggire per poi riemergere dai fili del racconto verso la fine. I sentimenti fugaci appaiono appesi alla corda di un moderno quotidiano caratterizzato dalla promiscuita' di relazioni che con sorpresa possono lasciare l'impronta di una sensibilita' laica, un solco nella storia di ogni lettore.

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra











VISITA IL SITO NUTRILAB