Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

L'innocenza del volo. I colori sono stati dell'anima
Invito alla lettura
Typography

Di tutte le esperienze, la morte è la sola non sperimentabile, perché non ha confronti.

Di tutte le esperienze, la morte è la sola non sperimentabile, perché non ha confronti.

Disperazione (Emiliano Gentilini)
Disperazione (Emiliano Gentilini)

E' unica e ineluttabile. Essa è la soglia del non ritorno, il cambiamento effettivo, la svolta. La morte, in quanto tale, serve a colui che la vive e ancor più a chi vi assiste, per comprendere sfumature e dettagli che raccolgono la pienezza della vita. La morte lima, smussa e rende migliori, in quanto rompe ogni schema precostituito. Di rimbalzo, ci si trova a risolvere i nodi dell'anima rimasti da tempo insoluti. E' il sorriso che la vita ci dona prima che l'altro svolti l'angolo per chissà dove.

Ci sono conflitti che esprimono un groviglio di sentimenti che nessuno specchio riesce a riflettere con limpidezza e traducono disagi emotivi che si schiudono senza fretta nel tempo e cristallizzano nelle anime. La percezione del dolore assume contorni biechi che impediscono un dialogo con se stessi e l'apertura verso gli altri. Arrampicarsi lungo i tortuosi tronchi dei sentimenti non è impresa facile anche per chi armeggia con padronanza gli strumenti della narrazione. A riguardo, Catherine Dunne merita sicuramente un posto di rilievo nel panorama letterario internazionale. Di Dublino, attraverso la sua penna traspaiono la liricità e la drammaticità che la condizione di una umanità vissuta nella sua pienezza comportano.

Quel che ora sappiamo
Quel che ora sappiamo

Nel romanzo Quel che ora sappiamo scompare la fredda logica del torto e della ragione, e si spianano gli orizzonti del confronto. Ogni personaggio a ruota si interroga sull'accaduto, per rinnovarsi attraverso il passato e creare una nuova prospettiva per il futuro. Pensiamo che i colori dipingano emozioni. In realtà i colori sono già emozioni, e dipingono noi.

Al centro della narrazione c'é il dolore per la morte di Daniel. Costui, il figlio inaspettato, è un ragazzo di una sensibilità stupefacente che rivela già da bambino una marcata inclinazione per il disegno. Ama la pesca e il soliloquio col volo deli uccelli e cresce incompreso dall'asettico univrrso adolescenziale. Vittima di recidivi casi di bullismo, vivrà la morte come esperienza di abbandono totale. Il romanzo va ben oltre il linguaggio incomprensible di chi soffre l'isolamento e l'angosciante piaga del bullismo. La tragedia del suicidio di Daniel riordina le dinamiche familiari, divenendo espediente di salvezza per i propri cari travolti dall'inaccettabile destino. La morte allora è il pretesto per riavvicinare cuori disgiunti e l'occasione per ripartire da lì dove il decesso non è vissuto come sconfitta, bensi espressione di una nuova condizione che affaccia sul domani e libera chi resta da ogni rimpianto o colpa. E allora fiorisce tra le dita del deserto la morte come un dono.

 

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra

 









VISITA IL SITO NUTRILAB

p2