Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La civilta' del Mito e il declino dell'Occidente
Invito alla lettura
Typography

Tutto muore eppure, tutto rinasce per continuare ad essere.

Tutto muore eppure, tutto rinasce per continuare ad essere.

Salvador Dalì, L’aurora, 1948
Salvador Dalì, L’aurora, 1948

Evidentemente la morte non è che il frutto di elucubrazioni mentali che nel tempo è andato scalfendo i pilastri della singolarità che ci rende unici ma inglobati in un tutto.

Ciò che definiamo Mito è molto più e totalmente diverso dal singolo fatto favolistico che ci viene propinato negli studi scolastici. E' un modo di essere e di vivere la propria vocazione identitaria all'interno di un tessuto più ampio ma circoscritto, individuabile attraverso simboli, riti e non ultimo, il linguaggio dell'arte. La filosofia del Tutto tiene in piedi la struttura complessa di ogni singolarità che va a incastrarsi con le altre e a incastonarsi nell'articolata configurazione di un mosaico in cui ogni tessera occupa uno spazio e quindi una sua dimensione, dando vita a un insieme affatto caotico, che obbedisce e riflette una lettura e un ordine precisi.

Ciò che chiamiamo Mito riguarda un ritorno costante che conserva però all'interno tratti distintivi ed essenziali di autonomia che reinquadrano e riscrivono l'atto della Creazione. La società del Mito consta di piccoli universi che interagiscono tra loro e riflettono un ordine innescato dall'esplosione del Caos primordiale. Esplosione, Ordine e ritorno all'Implosione sono le tre fasi riscontrabili all'interno di ogni identità che si muove in un'ampia struttura rappresentata dal cerchio che contiene e protegge, ma anche rinnova attraverso lo stadio della Morte, riflettendo il ben più complesso e completo macrocosmo dell'Universo simbolicamente espresso con la sfera.

Il cerchio e la sfera
Il cerchio e la sfera

Wilmo Boraso nel suo saggio Il cerchio e la sfera si interroga sul decadimento della civiltà occidentale per un uso aggressivo e smoderato della ragione che deprime quella identità di appartenenza su descritta. Attraverso una rilettura attenta della filosofia greca, cerca di ricondurre la civiltà occidentale pragmatica e incapace di sentire, tra le braccia di quell'origine tanto agognata nella sua sfuggenza. Seguendo un viaggio a ritroso, si riporta agli esordi del Pensiero Greco, allorquando, prima ancora che si tingesse di retorica e di digressioni speculative, la filosofia si faceva interprete e veicolo dell'immenso patrimonio sapienziale identificato da Boraso nel sole che sorge a Oriente influenzando e permeando le tradizioni più antiche.

 

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra

 













VISITA IL SITO NUTRILAB

p2