Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Sulla legge mandalica del ricordo

I ricordi sono visite

Sta a noi accoglierli oppure respingerli dietro la porta, purché non ci siano rimpianti. Ogni visita ha di per sé un senso e nulla può indurci alla profonda comprensione più del dolore. L'assuefazione al dolore crea limiti, impedisce all'anima di edificarsi.

Poetica del sogno e del ricordo

Col sogno e col ricordo l'uomo ascende a Dio

Nel primo caso diventa creatore di un mondo nel quale si trasferisce per un tempo indefinito che fluttua in un'altra corrente, in una dimensione che è partecipe della realtà se non rivelazione come negli stati d'illuminazione sciamanica. Col sogno ci si risveglia (psicanalisi junghiana) dal mondo empirico.

La poetica del sogno

Nel sogno ci si coglie veramente liberi, perché nel sogno l' individualità è il riflesso della totalità

Infatti, nella dimensione onirica ognuno si scopre attore e spettatore e raggiunge l'apoteosi della propria creatività. La creatività non solo è espressione passiva ma anche agente di movimento.

VISITA IL SITO NUTRILAB