Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La non etica e il cambiamento

Mettere da parte se stessi, ammansendo l'ego, illumina e conferisce radiosita' all'esistenza

La santifica, conferendo un senso etico ad ogni cambiamento. Sottile è il significato che ha questa parola al mondo d'oggi e chiaro da parte mia è l’ invito rivolto all'attuale umanità a riflettere su di essa in quanto nasconde un recondito messaggio.

Il libertinaggio e la non etica

La nostra è una finta democrazia, perché non c'insegna ad essere liberi

La libertà necessita di maturità e la maturità cresce e si manifesta con la consapevolezza. È anche vero che la democrazia, e' un miraggio.

La pazienza e l'arte di donare

Il dubbio esprime la condizione dell'essere, in esso naufraga l'esistenza umana

Il dubbio è legato alla scissione tra lo stato delle cose e il contingente fluire, tra l'essere e l'apparire, tra il sapere e il conoscere. Il dubbio molte volte si fonda sulle capacità intuitive della sensibilità influenzate però dalla sfera emozionale che altera la visione delle cose e ne devia il corso.

La filosofia greca si fonda sui verbi ghignomai (essere, diventare e accadere) e ghignosco (conoscere)

La radice comune dei due verbi è gn con il rafforzativo ghi  che ne evidenzia il valore. La desinenza sco la ritroviamo nel verbo greco eurisco e nell'italiano scoprire , nonché negli strumenti della ricerca scientifica, ad esempio in telescopio.

Il Paradiso e i luoghi della luce

"Lux-lucis" e "Locus-loci" hanno la stessa radice etimologica

Il luogo è parente stretto della luce, in quanto grazie ad essa si manifesta. Il luogo per eccellenza è quindi di forma circolare perché In essa la luce si diffonde uniformemente e nell'immaginario collettivo sia l'isola che la valle assumono una valenza magica e divina in virtù della loro forma (ad esempio la mitica Avalon).

Il Venerdi Santo

Tramite te, Signore oggi, e la tua esperienza umana che si spezza, penetriamo nel significato della parola "mondo", pulito, intonso. Non può esserci mondo, senza unità

La Passione e Morte di Cristo non sono rievocazioni storiche, ma un mistero che si compie annualmente nel cuore di chi è connesso con l'Universo e quindi con l'Altissimo. Universo significa difatti, ruotare intorno all'Uno, nel verso del bene e della giustizia assoluta, quindi universale. Oggi si parla di multiversi, ma il senso non cambia. Ovunque ci sia vita, ci si adopera per compiere la giustizia o etica del tutto.

La lavanda dei piedi e i riti di passaggio

Nel triduo della settimana santa si consuma il dolore per la Passione di Cristo

La tradizione di non mangiare carne ha però altre origini. Essa si riconduce agli antichi riti di passaggio diffusi nelle culture pagane, scanditi nei tre momenti di purificazione, di morte e di rinascita. L'astensione dalla carne suggerisce il distacco dalla dimensione terrena, necessario affinché si realizzi la morte nella sua accezione profana e il conseguente rinnovamento sul piano della Luce.

La sinuosita' del tempo

Affianco alla concezione del tempo lineare espresso da un rapporto di causalità rappresentato da un prima e da un poi, e alla concezione del tempo ancora più antica che affonda le radici nell'Età del Mito, rappresentata dal cerchio, simbolo dell'Eterno Ritorno, è degna di menzione un'altra raffigurazione del tempo, forse ancora più antica dell'uroboro (il serpente che si morde la coda espressione di circolarità) e che ha ancora come protagonista il serpente ma nella sua sinuosità abituale.

VISITA IL SITO NUTRILAB

p2

b2

b1

p4

p5

sbevozx_300x250.jpg

roar2_300x250.jpg

Creative iRoar Bundle_300x250

X7_300x250.jpg

x7_limited_300x250.jpg