Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La nazione e la Patria. Sradicamento e identita'
Amore e Psiche
Typography

La Patria e' un valore. Nasce con te con lo stesso seme che ti ha messo al mondo. Si chiama Patria perche' ti da' l'identita'.

La Patria e' un valore. Nasce con te con lo stesso seme che ti ha messo al mondo. Si chiama Patria perche' ti da' l'identita'.

La nazione e la Patria. Sradicamento e identita'
La nazione e la Patria. Sradicamento e identita'

In un mondo che passeggia e fa dello sradicamento non uno stile di vita, bensi' un principio, il termine Patria e' stato sostituito dall'abusato quanto geografico Nazione, cosi' come dal piu' pittoresco Paese. Una Nazione ha contorni che contengono chiunque vi stazioni o vi abbia radici anagrafiche. Il Paese contiene all'interno il principio di un disimpegno. Nel Paese ci sguazzi, il Paese lo gusti, lo vivacchi e poi se e' il caso lo abbandoni.

Nella societa' in cui il senso di appartenenza matura come disvalore, il termine Patria e' scomodo perche' implica delle responsabilita' innanzitutto etiche. Si e' figli con principi, diritti, ma anche doveri, accomunati tutti da quel senso, il rispetto, che dovrebbe esistere imprescindibilmente e sussistere alla base della vita. Nella civilta' del tutto possibile e della trasgressione al nulla, il termine Patria suona scomodo, perche' implica un adoperarsi insieme ad altri individui che hanno le nostre medesime proprieta' piu' che caratteristiche culturali. La Patria innanzitutto, dicevano i Romantici che coltivavano un sogno, quello di abbracciarsi in un principio di fratellanza.

Nella Nazione o nel Paese cio' non e' possibile e tutto fluttua. All'interno di un territorio dai confini imposti e quindi probabili, ognuno semina a proprio piacimento e il coltivare e' un optional. Il territorio e' di tutti e di nessuno, e' un giacimento vasto da sfruttare e non da far fruttare, perche' governato dalla logica del profitto che per natura e' libertina e non libera (democratica) e schiaccia i piu'deboli. Territori vittime delle strumentalizzazioni del politichese di turno che pontifica dal pulpito della disinformazione, cosi' come esposti al vilipendio del qualunquista incapace di aizzarsi contro chi di dovere e usa espressioni sprezzanti contro i luoghi, comprovando distacco e sradicamento. Il territorio siamo noi e la violenza perpetrata anche solo verbalmente e' un'accusa indiretta rivolta a noi stessi, in un'immagine riflessa da uno specchio che distorce la visione nella sua totalita'.

Nella Patria tutto ha un senso e i figli di nessuno non esistono. Anche l'albero e' un figlio ed e' pertanto sacro. Lo accogli come un fratello e se lo distruggi, la macchia te la porti a vita. La Patria punisce i figli che sbagliano e questo e' un dato scomodo per tutti. Nella Nazione si e' di passaggio...La patria ti genera e li' resti per sempre.



 

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra

 













VISITA IL SITO NUTRILAB

p2