Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Amore e perversione

Amore e Psiche
Typography

Il cuore offusca la ragione e la ragione offusca il cuore.

Ron Hicks. Impulsive (1965)
Ron Hicks. Impulsive (1965)

 

Quando si è innamorati, è difficile trovare quell'equilibrio che solo l'intervento del cuore sa garantire. Il cuore ha una sua intelligenza che, come dice la parola stessa, permette di penetrare nelle cose e di coglierne il valore che al tempo stesso suscita bellezza. Ognuno ha un cuore, eppure ogni cuore è unico e disvela l’inconsistenza di ciò che è apparente, per leggerne nel profondo l'autenticità. Chi ama coglie il Sacro, lo sbocciare di un fiore nel deserto. Agli occhi dell’innamorato l’oggetto del proprio amore è speciale. È il calice di un fiore che sopravvive alle intemperie del tempo.

A differenza delle epoche passate in cui il cuore era offuscato dalla ragione spesso di origine culturale che imponeva all'interno di una famiglia i cosiddetti matrimoni combinati, il nemico del cuore oggi e’ proprio la passione. La passione e’ un fuoco che arde e conosce l’effimero. È il presente che si offre nella maschera dell'eterno, e quindi non è in grado di durare. La passione è travolgente e la si subisce perché rende schiavi e nel momento in cui si è schiavi non si può agire autonomamente. La passione non conosce armonia, ma solo delirio e impulso. La passione è un raptus che in presenza di un cuore attivo serve a rinsaldare il legame. I due amanti giocano alle prede carnali, e’ un gioco euforico che si consuma negli istanti, lasciando il cuore aperto alle percezioni dell’altro che non subisce ma è partecipe e collaborativo.

Oggi, nel marasma culturale in cui siamo immersi, la parola passione, così come il termine amore vengono abusati. La prima ricercata ossessivamente come riempitivo di una vita che ci scivola via e in cui siamo assenti, il secondo come un miraggio di profondità da ricercarsi nel valore del presente. Come può un termine il cui significato risiede nell'espressione senza morte racchiudersi in un tempo limitato? Il cuore è espansione e viaggia oltre ogni frontiera. L'assenza di amore potenzia la passione che sfocia nella morte. L'uomo che si sente respinto al termine di una relazione che non ha più senso, in quanto il cuore è precipitato verso la periferia del legame, legge la passione come desiderio di morte per sè e l’altra. La vita perde ogni valore e l’istinto di possesso esercitato dal furore della passione avvinghia la ragione.

La morte è una ricerca per entrambi, la soluzione punitiva che si traduce in omicidio-suicidio. Mentre nel caso in cui l'egoismo frustra l'anima dell'uomo abbandonato, lo sfregio con l'acido è la conseguenza ultimamente più diffusa. l'egoismo intriso di furore è sadico. Nella cenere di un fuoco arso la donna non assume più alcuna fattezza. È fumo. Il volto che contiene l'espressione di sacralità, in mancanza d'amore è l'incantesimo ammaliatore che su nessun uomo potra’ essere piu ‘attuato.

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra

VISITA IL SITO NUTRILAB