Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Amore e narcisismo
Amore e Psiche
Typography

L'amore è il percorso che noi compiamo semplicemente vivendo.

L'amore è il percorso che noi compiamo semplicemente vivendo.

Eco e Narciso di J.W.Waterhouse 1903
Eco e Narciso di J.W.Waterhouse 1903

Amore e vita s'incontrano, s'intrecciano, si sovrappongono al punto di confondersi e di lasciarci fiaccati quando una storia s'interrompe. La concezione radicata nell'uomo dell'amore infinito permea conseguenzialmente la credenza che la vita sia infinita, perché entrambi, amore e vita, sono aspetti della stessa entità. Dio è fonte di vita e al tempo stesso sorgente di amore infinito. Ma l'amore nel cammino dell'uomo ha incrociato il passo con il suo acerrimo nemico: la morte, che lo ha sepolto nel dolore. L'identificazione amore-morte non parte da presupposti filosofici e teoretici, ma è il sunto di un'analisi accurata di fatti concreti.

La morte, prima di concludere un percorso, ci frusta, con lo scopo sensibile di svegliarci e riportarci sulla giusta retta dell'interiorità attraverso la componente del dolore. Se agli esordi della civiltà l'uomo era richiamato dal mondo esterno che gli ha richiesto un confronto empirico e fenomenico con la realtà circostante , di pari passo l'amore è stato concepito come estensione, appropriazione di altri mondi. Da qui il senso della parola compassione nel mondo greco, e della filantropia intesa come cardine fisso intorno a cui far ruotare lo spettro di esperienze. L'amore come estensione ha pero' lo svantaggio di polverizzare l'individuo, catapultato totalmente verso l'esterno e in tale prospettiva non è duraturo, perché dimentica la sua provenienza. Parimenti ma all'incontrario, l'amore che non spicca verso l'altro, sacrifica la propria capacita' immaginativa emozionale per rivolgersi soltanto su se stesso.

L'altro non è visto che come un'eco che rimbalza il proprio io ed è quanto accade nell'immagine che si riflette sull'acqua ben evidenziata nel mito di Narciso. Al di la' delle simmetrie e armonie corrispettive, l'amore è coinvolgimento totale che ammiriamo nel binomio Amore e Psiche il quale racchiude nella sua completezza il doppio viaggio dell'uomo di estensione e proiezione, ma anche di ritorno e rientro alla propria casa di origine, il Sé, che in fondo è l'unico vero viaggio di amore che la vita contenga e al quale ci chiami. Partendo da tale prospettiva il viaggio incontro all'altro non si interromperà mai, perché ogni legame vero è concepito dal Centro, snodo di ogni sostanza.

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra

VISITA IL SITO NUTRILAB

p2