Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Nell'ordito del Logos. Le parole sono angeli

Amore e Psiche
Typography

Viviamo nell'epoca degli ossimori non solo verbali, dei contrasti e delle guerre che, se anche non espresse, logorano e inquinano le anime.

Mundo Celeste, Mundo Terreste
Mundo Celeste, Mundo Terreste

Tutto ha origine dal Caos. Anche questo è Ordine ed è il fondamento della genesi dell'Ordine. Il Kaos è all'origine di ogni forma di vita e trasformazione, ma a ben guardare, il Kaos che ci vede immersi oggigiorno, non ha nulla a che vedere col plasma iniziale, perché in esso nulla c'è di edificante. Nelle tradizioni antiche il presente era situato in una configurazione di rigida ma osmotica visione del tempo e inteso in un rapporto di continuità col passato e col presente.

Oggi questa visione non c'è e quei pochi che si elevano sull'arroganza dettata dalla presunta onniscienza delle masse e parlano di sistemi mulipli e multiversi, sono cellule isolate, incapaci di interagire col resto dell'umanità. Il problema non è da inquadrare sul piano del linguaggio colto come strumento di interazione, bensì sull'aspetto dell'energia che investe e presiede ad ogni forma di linguaggio. Si può parlare la stessa lingua e avere difficoltà a intendersi in quanto manca quel sostrato di interrelazione empatica che un tempo abbracciava più individui per usi, idiomi e costumi differenti tra loro.

Oggi la lingua è disgiunta da ogni sostanza, è aleatoria, utile al fine di una navigazione superficiale tra gli eventi. E' acquisita tramite scambi che di profondo non hanno nulla, e fluttua sui cambiamenti. L'isolamento dello studio delle etimologie, ormai assente negli studi liceali e in via di estinzione in quelli accademici la dice lunga su questo processo a mio avviso inarrestabile. Ogni lingua contiene al suo interno un embrione che prende forma nelle esistenze individuali e capace pertanto di plasmare una collettività. Le parole sono radicate nell'essere e ciò spiega la presenza di unici ceppi etimologici sparsi in aree lontanissime e irraggiungibili tra loro.

Le parole sono vita, il Verbo che esprime il Logos, e non entità asettiche come la realtà virtuale tende a inculcarci. Sono emanazione e fonte di trasmissione di quella energia primordiale, plasmatica, embrionale che ci ha generati. La lingua è il tronco che ci tiene ancorati alla radice e ci eleva dal Kaos verso la Luce. Come ogni forma di vita, anche la lingua parte da dentro e si sviluppa all'esterno. Attinge l'alba dalla notte per divenire Kosmos e Regola all'esterno di noi. Pur tuttavia, mantiene intatta quella brezza iniziale, quel respiro divino che ha fatto pronunciare alla scuola antroposofica steineriana la verità altissima che le parole sono angeli e in quanto tali, armi di fuoco o veicoli di salvezza.

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra