Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

I muri e il destino dei popoli
l'Opinione
Typography

La necessità naturale impressa nell'uomo dai primordi è racchiusa nello spostamento che implica al suo interno il soddisfacimento a una serie di bisogni che hanno seguito di pari passo l'evoluzione umana.

La necessità naturale impressa nell'uomo dai primordi è racchiusa nello spostamento che implica al suo interno il soddisfacimento a una serie di bisogni che hanno seguito di pari passo l'evoluzione umana.

La grande muraglia
La grande muraglia

Dalla necessità di procacciarsi il cibo si è passati successivamente al baratto e infine, con la comparsa del concetto di proprietà all'elaborazione del principio di difesa. La stanzialità ha regolato e scandito i ritmi della vita degli individui e dei primi esempi di comunità, assestando nuove abitudini che hanno via via modificato radicalmente l'evoluzione intellettiva e spirituale dell'essere umano. L'individuo ha inglobato dentro di sè il concetto di persona che rivela il raggiungimento di un gradino superiore rispetto a quello precedente. La definizione di persona implica un livello di imprinting determinato dalla conoscenza di sé, del proprio interno e di ciò che non gli compete, introducendo cosi il concetto di coscienza relativo alla propria identità. Quanto finora detto trova applicazione e conferma nel comportamento dei neonati i quali familiarizzano con il proprio corpo, interagendo con lo spazio esterno, e da questa sorta di comunicazione gestuale viene fuori a livello embrionale il concetto di possesso legato con i primi passi al concetto di spostamento.

La civiltà si è evoluta organizzandosi intorno al binomio interno esterno e nel momento in cui il fragile equilibrio tra le due parti ha mostrato cedimenti, l'uomo ha avvertito la necessità di ripiegarsi su se stesso, proteggendosi innalzando barriere. La parola protezione è per sua natura ambigua perché da un lato implica la condizione di chiusura, dall'altro l'implicita forma di attacco da parte di chi coglie la chiusura come una dura risposta. Riassumendo, la chiusura è una risposta all'attacco, ma è anche vero il contrario e cioè che l'attacco è una risposta alla chiusura, ed è quanto la storia attuale va paventando a seguito delle strategie politiche che Trump, il neo presidente americano, sta attuando.

La gestione di un territorio è sempre stato un argomento controverso. Al di là dei vari esempi di muraglie e muri che la storia ci riporta, è opportuno al tempo di oggi mettere da parte la domanda se sia giusta oppure no la politica trumpiana, e provare invece a chiedersi come si sia arrivati a queste misure drastiche. Forse una politica di estrema apertura sleale e poco chiara ha prodotto inevitabili conseguenze che stanno sfuggendo di mano, portando alla ribalta situazioni che potrebbero capovolgere il destino dell'Occidente.

 

Ippolita Sicoli

Dott.ssa Ippolita Sicoli

(Specializzata in Antropologia, Eziologia, Mitologia e Discipline Esoteriche)

LA FINESTRA SULLO SPIRITO

https://www.facebook.com/ippolita.sicoli

 

Libri scritti da Ippolita Sicoli:
Il canto di Yvion Storie di pecore e maghi Nel ventre della luce Il solco nella pietra

 

VISITA IL SITO NUTRILAB

p2

b2

b1

p4

p5

sbevozx_300x250.jpg

roar2_300x250.jpg

Creative iRoar Bundle_300x250

X7_300x250.jpg

x7_limited_300x250.jpg