Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

TORINO, D'Onofrio, Caccia? Non sono 'ndranghetista

Calabria Regione
Typography

Interrogato ex Prima Linea accusato omicidio magistrato

TORINO, D'Onofrio, Caccia? Non sono 'ndranghetista
TORINO, D'Onofrio, Caccia? Non sono 'ndranghetista

TORINO, 6 MAR - Ha negato qualsiasi coinvolgimento nell'uccisione del giudice torinese Bruno Caccia e ha negato di fare parte della 'ndrangheta. E' quanto ha detto oggi Francesco D'Onofrio, l'ex militante di Prima Linea indagato a Milano per l'omicidio del magistrato, nel corso del suo interrogatorio. D'Onofrio ha ricevuto un avviso di garanzia dopo le dichiarazioni di un pentito, Domenico Agresta. L'ipotesi è che sia uno degli esecutori insieme a Rocco Schirripa, in queste settimane processato nel capoluogo lombardo. Secondo quanto si è appreso, D'Onofrio ha affermato di non ricordare nemmeno cosa avesse fatto il 26 giugno 1983, giorno del delitto (una domenica). In quel periodo aveva un lavoro regolare. Quanto alla sua appartenenza a organizzazioni eversive di estrema sinistra, D'Onofrio si era da poco avvicinato ai Colp, uno dei gruppi originati dalla dissoluzione di Prima Linea, ma non era organico. "Sono sereno e aspetto con fiducia gli sviluppi dell'indagine", ha detto D'Onofrio a chi lo ha interrogato.

VISITA IL SITO NUTRILAB