Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Ha entusiasmato e divertito il pubblico calabrese che ha assistito al Teatro Grandinetti di Lamezia Terme alla commedia in dialetto pugliese “La casa chiusa”, interpretata dai bravissimi attori della compagnia “La banda degli onesti” di Altamura (Bari), nell’ambito della quarta edizione della rassegna teatrale “Vacantiandu – Città di Lamezia Terme”, promossa e organizzata dall’associazione “I Vacantusi”.

Per sette anni è stata picchiata con un bastone e costretta a subire le violenze, anche sessuali, da parte del marito, marocchino come lei, fino a quando una telefonata anonima non ha segnalato i fatti ai carabinieri, che sono intervenuti ed hanno arrestato l'uomo. I militari hanno trovato la donna nei pressi di casa, a Lamezia Terme, con ecchimosi al volto e con in braccio il figlio di due anni. L'arrestato l'aveva anche costretta a farsi tagliare più volte i capelli.