Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

“Il mito di Alarico” che è stato il leit-motiv dell’edizione 2014-2015 di “Buone feste cosentine” continua, in una sorta di ideale prolungamento, a caratterizzare anche i fine settimana di quest’ultimo scorcio di gennaio e di tutto il mese di febbraio, in coincidenza con la stagione dei saldi, periodo dell’anno molto atteso dai consumatori per fare acquisti a buon mercato.

Giugno 1940. Calabria, provincia di Cosenza. Ferramonti di Tarsia: qui nasce il primo e più grande campo di internamento per ebrei stranieri d'Italia. È una storia poco conosciuta quella del campo in cui transitano, nei cinque anni e mezzo in cui rimane attivo, circa quattromila cittadini ebrei: l'Italia è appena entrata in guerra e i cittadini ebrei, anche se appartenenti a nazioni alleate dell'Italia, sono considerati nemici e devono essere arrestati e internati.

La macchina del carnevale di Amantea è già in moto da molto tempo. Tantissimi giovani e meno giovani iniziano a disfare le carcasse dei vecchi carri protagonisti della scorsa edizione per dare spazio al nuovo progetto, alla nuova idea, al loro piccolo ma grande capolavoro di cartapesta. Già 8 i carri iscritti.