Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Gioia Tauro (Reggio Calabria): colpi kalashnikov su cancello, un arresto

I carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, supportati dai militari dello Squadrone eliportato Cacciatori "Calabria", hanno arrestato Giuseppe Pataffio, di 26 anni, noto alle forze dell'ordine, indagato in concorso per danneggiamento e porto e detenzione di arma da guerra, aggravati dalla metodologia mafiosa.

Sant'Ilario dello Ionio (Reggio Calabria): aveva 700 gr marijuana in casa, arresta

Un uomo di 63 anni, Domenico Varacalli, è stato arrestato dai carabinieri di Sant'Ilario dello Ionio insieme a quelli dello Squadrone eliportato Cacciatori Calabria con l'accusa di detenzione illecita di stupefacenti.

Reggio Calabria: Gdf sequestra 3000 capi contraffatti

Tremila capi di abbigliamento ed accessori con marchi contraffatti sono stati sequestrati dai baschi verdi del Gruppo della Guardia di finanza di Reggio Calabria che hanno anche sequestrato tre veicoli e denunciato sei persone.

Reggio Calabria: arsenale in alloggio popolare disabitato

Un arsenale tra pistole, fucili e munizioni è stato scoperto dai carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria in un appartamento popolare, disabitato ma munito di porta blindata, ubicato nel Villaggio Arghillà Nord della città.

Samo (Reggio Calabria): preleva inerti da fiumara, arrestato

Stava prelevando senza alcuna autorizzazione materiale inerte dal letto di una fiumara sottoposta a vincolo paesaggistico e ambientale. Un uomo, Domenico Antonio Stilo, di 43 anni, di Africo, è stato arrestato dai carabinieri a Samo.

Polistena (Reggio Calabria): inveisce e minaccia cc, arrestato

Avrebbe inveito senza motivo contro una pattuglia di carabinieri in servizio, pronunciando minacce e frasi ingiuriose e opponendo poi resistenza ad un controllo con spinte e morsi ai danni dei militari, feriti lievemente.