Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

BAGNARA (RC): 6 anni di carcere per l’ex comandate della Polizia municipale Bellantone

Sei anni di carcere. Questa è la pena inflitta ieri sera dal Tribunale reggino, Natina Pratticó presidente, all’ ex comandante della Polizia Municipale di Bagnara Calabra, Giuseppe Bellantone, portato a giudizio, dopo essere stato arrestato nel febbraio del 2013 dai Carabinieri con pensanti accuse fra cui quella di corruzione.

MELITO PORTO SALVO (REGGIO CALABRIA): maltrattamenti a moglie, arrestato

Bloccato dai carabinieri nel reggino su decisione magistratura

MELITO PORTO SALVO (REGGIO CALABRIA), 24 NOV - I carabinieri di Melito Porto Salvo hanno arrestato, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, un sessantenne, S.A., per maltrattamenti contro familiari e conviventi, lesioni personali aggravate e continuate.

GIOIA TAURO (Reggio Calabria): furti carburante su pilotine, tre denunce

Operazione congiunta condotta da Guardia costiera e carabinieri

GIOIA TAURO (Reggio Calabria), 24 NOV - Un'operazione congiunta di Guardia costiera e carabinieri di Gioia Tauro ha consentito di interrompere, con la denuncia di tre persone, una serie di furti di carburante compiuti sulle pilotine della Corporazione dei piloti del porto mentre le imbarcazioni erano ormeggiate nella banchina della darsena Marinai d'Italia.

MELITO PORTO SALVO (RC). Centenario tenta di uccidere la moglie

I militari della Stazione Carabinieri di Melito Porto Salvo sono intervenuti in località Placanica di Pentidattilo, frazione del Comune di Melito di Porto Salvo, presso l’abitazione dei coniugi F.G., 99 anni, e F.E., 93 anni, dove, al culmine di una lite nata per futili motivi, F.G. ha tentato di uccidere la moglie convivente, colpendola più volte alla testa con un’accetta.