Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

CITTA' DEL VATICANO, Papa: rischiando Pio XII salvo' ebrei
Urbi et Orbi
Typography

Messa a Santa Marta. "Non basta fare l'elemosina"

Messa a Santa Marta. "Non basta fare l'elemosina"

CITTA' DEL VATICANO, Papa: rischiando Pio XII salvo' ebrei
CITTA' DEL VATICANO, Papa: rischiando Pio XII salvo' ebrei

CITTA' DEL VATICANO, 5 GIU - Compiere opere di misericordia significa non solo "condividere e compatire, ma anche rischiare": lo ha detto Papa Francesco nella messa a Casa Santa Marta. "Ma tante volte - ha affermato il Pontefice - si rischia. Pensiamo qui, a Roma. In piena guerra: quanti hanno rischiato, incominciando da Pio XII, per nascondere gli ebrei, perché non fossero uccisi, perché non fossero deportati! Rischiavano la pelle! Ma era un opera di misericordia salvare la vita di quella gente! Rischiare". Le opere di misericordia non siano dunque un fare l'elemosina per scaricarsi la coscienza, ma un partecipare alla sofferenza degli altri, anche a proprio rischio e lasciandosi scomodare, ha spiegato il Pontefice, facendo nell'omelia una riflessione sulle 14 opere di misericordia corporale e spirituale. Compierle - ha spiegato - non significa "fare una cosa per scaricare la coscienza: un'opera di bene così sono più tranquillo, mi tolgo un peso di dosso".











VISITA IL SITO NUTRILAB

p2