Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Come faccio a seguire la dieta se tutti i giorni devo pranzare fuori casa?

Nutrizione
Typography

Con dieta GIFT tutto è possibile.

Come faccio a seguire la dieta se tutti i giorni devo pranzare fuori casa?
Come faccio a seguire la dieta se tutti i giorni devo pranzare fuori casa?

Quando si sente parlare di dieta la gente ha paura di scoprire qualcosa in più, perché si crede incapace di affrontare un periodo di restrizione calorica e, quindi, di sacrifici; ciò succede perché non si conosce il vero significato della parola dieta. Dieta non va intesa come un breve percorso nella propria vita, ma diventa uno stile di vita, parte stessa della persona e della quotidianità, senza che essa ci condizioni e ci renda affamati, bensì soddisfatti e sazi. Concetti questi che si ritrovano nella dieta Gift.

Pranzare a casa durante la settimana è, per la maggior parte delle persone, un vero e proprio sogno. Gli impegni di lavoro obbligano a pasti frettolosi e non sempre sani tanto che, l'obiettivo di perdere peso e seguire una dieta si allontana sempre di più… Ci chiediamo: ma come faccio a seguire la dieta se tutti i giorni devo pranzare fuori casa per lavoro ?

Non mangiando nulla o non mangiando abbastanza (ad esempio solo un frutto, o uno yogurt) si rischia a lungo andare di rallentare il proprio metabolismo, di avere cali di energia e di concentrazione. Oltretutto si arriva affamati a cena, quando una volta seduti a tavola ci si rilassa dopo una giornata lavorativa e spesso si ingeriscono più calorie del necessario, che si accumulano e non vengono smaltite.

Con la Dieta Gift il pranzo fuori casa non è un problema, in realtà, è uno dei momenti più semplici da gestire; anche se si potrebbe avere maggiore difficoltà a trovare cibi integrali. Se siamo al ristorante, in una mensa, al fast food si puo’ scegliere come fonte di carboidrati le patate o i legumi, che si prestano in diversi piatti freschi; un esempio potrebbe essere un’insalata di patate, pomodori e cipolle accompagnata da prosciutto crudo e melone, è un piatto fresco, abbinamento gustoso e soprattutto sono presenti carboidrati, proteine e fibre!

Per chi invece si trova fuori casa per cena, vale lo stesso principio del pranzo, escludendo i carboidrati, di conseguenza si andrà a scegliere un secondo ed un contorno, oppure un insalatina mista con tonno o pollo gigliato.

In questi casi, è sufficiente avere una discreta coscienza alimentare per destreggiare con disinvoltura. Spesso chi dice che non riesce a dimagrire perché mangia sempre fuori utilizza questa scusa come alibi per giustificare una pigrizia di fondo, la non volontà di prendere il problema di petto e risolverlo.



 

Francesco-Garritano

Dott. Francesco Garritano (biologo nutrizionista)

Direttore Scientifico rubrica NUTRIZIONE

info tel. 347-2481194 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

https://www.facebook.com/francesco.garritano.71

 











VISITA IL SITO NUTRILAB