Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Masticazione e dimagrimento
Nutrizione
Typography

Nonostante siano anni in cui gli studi oramai concordano sulla necessità di mangiare lentamente e con calma, perché con essa si possono avere dei notevoli benefici, la maggior parte delle persone divorano con estrema velocità il cibo che consumano.

Nonostante siano anni in cui gli studi oramai concordano sulla necessità di mangiare lentamente e con calma, perché con essa si possono avere dei notevoli benefici, la maggior parte delle persone divorano con estrema velocità il cibo che consumano.

Tuttavia per molti mangiare piano o di fretta viene ritenuta la stessa cosa, quale differenza reale può mai fare il modo di mangiare se la quantità ingerita è sempre la stessa?

In realtà le differenze sono tante, innanzitutto non si pensa mai al trauma che ogni volta lo stomaco subisce quando dei pezzi non masticati bene arrivano al suo interno, infatti il suo lavoro generalmente diventa più difficile a livello digestivo. Quando poi il cibo arriva nell’intestino, tutto quello che non è ben elaborato può portare a delle infiammazioni, può irritare, può causare flatulenza, o avere il classico gonfiore che in molti avvertono se non addirittura portare a dei fenomeni allergici.

Oltre a tutto questo non bisogna trascurare il senso di sazietà che non si riesce a raggiungere quando i bocconi sono troppo veloci o poco masticati. Il senso di sazietà è un elemento importante nel processo di dimagrimento, perché solo sentendoci sazi abbiamo la possibilità di interrompere il circolo vizioso del correre al frigorifero e del rischio di ingurgitare alimenti non propriamente sani.

Inoltre gli studi parlano della masticazione  lenta e della possibilità di innescare il processo del dimagrimento attraverso dei recettori dell’istamina a livello cerebrale.

Non concedersi neanche venti minuti di un tranquillo pasto non può far sperare in assenza di problematiche e se ci troviamo in regime dietetico, mangiare lentamente permette di gestire anche più facilmente il cambio di rotta che il nostro organismo sta affrontando.

Biologo Nutrizionista Francesco Garritano - Per info telefonare al 347-2481194 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

il Nutrizionista risponde

 

VISITA IL SITO NUTRILAB

p2