Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

COENZIMA Q10

Nutrizione
Typography

Il Coenzima Q10 è un coenzima liposolubile originariamente chiamato ubiquinone ovvero si trova dappertutto nell'organismo ed i suoi effetti sono molteplici.

Gli ubiquinoni, sono una famiglia biochimica, costituita da vari coenzimi da 6 a 10, i quali sono preposti al lavoro di trasporto energetico nel sangue, chiamato trasporto degli elettroni, questa serie di reazioni chimiche ha luogo nei mitocondri delle cellule e ha come conseguenza la sintesi dell'ATP, che è la fonte primaria di energia cellulare.

E' presente in maggior quantità nella soia, nei cereali, nelle noci, nei vegetali, spinaci, pesce, sardine,oli vegetali, germe di grano. Questo coenzima viene naturalmente sintetizzato dalle nostre cellule, ma con l'età questo processo diminuisce,in quanto il fegato diventa meno efficiente nel convertire gli ubiquinoni presenti negli alimenti, e si può avere carenza di questo coenzima anche per malnutrizione o con l'assunzione di alcuni farmaci o in presenza di malattie croniche.

Vediamo più nel dettaglio le sue funzioni principali: possiede una notevole azione antiossidante lavorando in sinergia con la vitamina E, è in grado di rafforzare le difese immunitarie, molto utile nei problemi cardiovascolari, nell'insufficienza cardiaca congestizia e nell'angina pectoris (il cuore presenta una grande concentrazione di coenzima Q10), inoltre mostra un effetto positivo sul ribasso dei valori pressori, nelle gengiviti ed affezioni dentali.

E' un coenzima essenziale e necessario per la respirazione e la rigenerazione cellulare. Sono diversi gli studi in fase avanzata su una probabile cura della degenerazione maculare della retina, mentre nel diabete di tipo I e II sembra stimolare le cellule beta del pancreas migliorandone la loro funzione. Nel trattamento dell'emicrania, sembra diminuire del 40% il numero degli attacchi; sono in corso studi scientifici per l'utilizzo del coenzima Q10 nelle malattie neurologiche degenerative come il il morbo di Alzheimer, il morbo di Huntington e la sclerosi multipla ed il Parkinson.

Essendo un antiossidante liposolupibe , agisce contro i radicali liberi che ossidano il collagene e l'elastina, e quindi è utile nella la perdita di elasticità della pelle e nella prevenzione della formazione delle rughe.

Biologo Nutrizionista Francesco Garritano - Per info telefonare al 347-2481194 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

il Nutrizionista risponde

VISITA IL SITO NUTRILAB