Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

E se si potesse abbassare la glicemia in un semplice modo?
Nutrizione
Typography

Cruccio di molti, iperglicemia e diabete dilagano fra la popolazione mondiale… tanti gli studi effettuati su questo argomento e numerose sono le nuove scoperte.

Cruccio di molti, iperglicemia e diabete dilagano fra la popolazione mondiale… tanti gli studi effettuati su questo argomento e numerose sono le nuove scoperte.

E se si potesse abbassare la glicemia in un semplice modo?
E se si potesse abbassare la glicemia in un semplice modo?

Filo diretto con l’alimentazione, è innegabile la correlazione tra le due cose e, deducibile da ciò, risultano le strategie che si possono attuare prevedendo un cambiamento dello stile di vita per abbassare la glicemia. A cosa ci riferiamo in particolare? Alla regina dei pasti: la colazione! Abbiamo discusso della sua importanza per attivare gli assi metabolici ed iniziare la giornata con una sferzata di energia, ne abbiamo decantato l’importanza nel dimagrimento, ora alcuni studi scientifici hanno messo in relazione la colazione con un possibile abbassamento della glicemia addirittura del 20%.

Dati alla mano, prendiamo ad esempio uno studio effettuato dai ricercatori dell’Università di Tel Aviv dell’unità di diabetologia su pazienti diabetici di tipo 2 (diabete alimentare), che dimostra come una prima colazione ricca ed equilibrata sia in grado di ridurre i valori glicemici rispetto a coloro i quali invece mangiano di più alla sera. I ricercatori hanno constatato che a parità di quantità alimentari introdotte durante la giornata, coloro i quali riducevano la cena ad un pasto leggero ed effettuavano una colazione ricca e completa, avevano sia questa riduzione del 20% dei valori di glicemia nel totale della giornata e sia una riduzione fino al 23% della glicemia post prandiale (in particolare glicemia dopo pranzo).

Tutto ciò ci permette di capire quanto questo pasto, effettuato nella giusta composizione e quantità, possa essere importante per dare al nostro organismo un segnale di stimolo metabolico durevole. Importante, e collegato del resto, risulta effettuare una cena leggera la quale oltre a contribuire alla giusta distribuzione dei pasti ci permette di svegliarci con il giusto stimolo della fame per affrontare una colazione abbondante. Ovviamente i pazienti che presentano qualsiasi tipo di patologia, iperglicemia, diabete e quant’altro, devono affidarsi alle mani di personale esperto che sappia guidarli sulla via di una corretta alimentazione e di un salutare stile di vita.

Nutrizionista Francesco Garritano - Per info telefonare al 347-2481194 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

il Nutrizionista risponde

VISITA IL SITO NUTRILAB