Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Voglia di alcool e cibi grassi?

Nutrizione
Typography

Individuata la molecola del cervello in grado di regolare l'appetito e di influenzare le nostre scelte alimentari: secondo una ricerca dell'Università di Arberdeen, in Gran Bretagna, è la galanina a causare attrazione per i cibi grassi e gli alcolici.

Voglia di alcool e cibi grassi?
Voglia di alcool e cibi grassi?

 

Tale neurotrasmettitore è coinvolto nella regolazione dell'assunzione degli alimenti a livello dell'ipotalamo. Il bisogno di cibo è regolato infatti da 2 centrali operative: il "centro della fame" nell'ipotalamo laterale e il "centro della sazietà" nell'ipotalamo mediale. Il primo invia continuamente messaggi alla corteccia cerebrale per sollecitare la ricerca di cibo; la sua perenne attività è legata all'istinto di sopravvivenza.

Lo studio è stato diretto dal dottor Alasdair MacKenzie e pubblicato su "Journal of Neuropsychopharmocology". Secondo i ricercatori la galanina sarebbe più spiccata nel cervello degli occidentali a causa di un'eredità genetica: il cervello dei primi europei, infatti, per sopravvivere ai ghiacci e alle temperature basse, ha sviluppato una predilezione verso gli alimenti ricchi di grassi e di calorie per immagazzinare le energie. Questo meccanismo si sarebbe conservato nel tempo come una sorta di eredità preistorica, nonostante le mutate condizioni di vita e le diverse finalità.

Come ha spiegato il dottor Alasdair MacKenzie: "Durante l'inverno, gli individui con un neurotrasmettitore meno forte, non avrebbero avuto alcuna chance di sopravvivere in Europa". Diversa la situazione per gli asiatici, che pare presentino nel loro DNA una versione più soft del neurotrasmettitore, a causa della diversa storia geografica. Un controllo della galanina potrebbe quindi bloccare la propensione verso determinati cibi e quindi limitare problemi come sovrappeso, obesità e alcolismo. Speriamo che le ricerche procedano in questa direzione.

 

Francesco-Garritano

Dott. Francesco Garritano (biologo nutrizionista)

Direttore Scientifico rubrica NUTRIZIONE

info tel. 347-2481194 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

https://www.facebook.com/francesco.garritano.71

 

VISITA IL SITO NUTRILAB