Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

STEATOSI EPATICA E DIABETE: PREVENIRE MANGIANDO SANO
Nutrizione
Typography

La steatosi epatica è solo l’inizio di una serie di malattie che potrebbero presentarsi in seguito all’accumulo di grassi all’interno del fegato; questa provoca sia diabete, sia difficoltà a dimagrire che malattie cardiovascolari. Vediamo un po’ nel dettaglio

La steatosi epatica è solo l’inizio di una serie di malattie che potrebbero presentarsi in seguito all’accumulo di grassi all’interno del fegato; questa provoca sia diabete, sia difficoltà a dimagrire che malattie cardiovascolari. Vediamo un po’ nel dettaglio

STEATOSI EPATICA E DIABETE: PREVENIRE MANGIANDO SANO
STEATOSI EPATICA E DIABETE: PREVENIRE MANGIANDO SANO

 

Steatosi e diabete epatico

Quando il fegato è in steatosi il suo normale funzionamento è alterato, i carboidrati della dieta vengono trasformati in glicogeno e acidi grassi saturi nel fegato, i trigliceridi intasano i lobuli epatici ed il fegato non riesce a filtrare dal sangue l’insulina che aumenta dopo il pasto. Qual è la conseguenza diretta? Il diabete mellito di tipo 2, definito in questo caso anche diabete epatico, perché correlato alla steatosi. Questo aumento di insulina costante è dato dal fatto che ormai in Italia si consumano sempre più farine raffinate, zuccheri, bevande alcoliche, che causano picchi glicemici continui favorendo quindi insulino-resistenza, ovvero l’insulina viene secreta per far abbassare la glicemia nel sangue, ma essendo quantitativamente in eccesso, non riesce a svolgere la sua funzione. Quindi il diabete epatico è quello maggiormente diffuso nei giovani, perché sono quelli che consumano principalmente cibi spazzatura.

Steatosi e rischio cardiovascolare

I livelli più elevati di colesterolo e trigliceridi provocano un aumento della pressione arteriosa e un maggior ispessimento della parete carotidea con predisposizione alla formazione di placche, provocando così un maggiore rischio cardiovascolare.

Steatosi e perdita di peso

Come ci insegnano i principi della Dieta GIFT, un corpo infiammato non è in grado di perdere peso, ma bisogna prima curare l’infiammazione per poi dimagrire. Uno dei fattori che provocano l’infiammazione è proprio l’insulina, che, come abbiamo visto prima, in caso di steatosi non è filtrata, quindi chi soffre di questa patologia non riesce a dimagrire, perché ha un corpo perennemente infiammato. Cosa bisogna fare? Innanzitutto depurare il fegato dall’accumulo di grassi.

Depurare il fegato con gli alimenti

I cibi da preferire sono quelli che contengono acidi grassi insaturi omega 3, come ad esempio il pesce (tutti i tipi privilegiando quello azzurro), i cereali integrali, la frutta secca, i legumi (preferire lenticchie e ceci), l’olio extravergine di oliva, gli ortaggi freschi, soprattutto quelli ad azione tonificante e detossificante sul fegato, come i carciofi, la catalogna, le erbe amare e la cicoria. Contemporaneamente si devono ridurre le farine raffinate, gli zuccheri, gli acidi grassi saturi di origine animale (carne rossa, formaggi grassi), evitare l’assunzione di alcol, gli insaccati, le salse come la maionese, le bevande zuccherate. Non bisogna esagerare con la frutta perché in caso di steatosi il fruttosio della frutta viene trasformato in acidi grassi saturi rapidamente.

 

Francesco-Garritano

Dott. Francesco Garritano (biologo nutrizionista)

Direttore Scientifico rubrica NUTRIZIONE

info tel. 347-2481194 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

https://www.facebook.com/francesco.garritano.71

 

VISITA IL SITO NUTRILAB

p2

b2

b1

p4

p5

sbevozx_300x250.jpg

roar2_300x250.jpg

Creative iRoar Bundle_300x250

X7_300x250.jpg

x7_limited_300x250.jpg

p6

Banner e logo Volagratis 300 x 250