Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

SALUTE, virus Aids sparito da otto anni in bimba nata sieropositiva

Salute e Benessere
Typography

Grazie a farmaci dati subito dopo nascita, 3 casi in pochi anni

SALUTE, virus Aids sparito da otto anni in bimba nata sieropositiva
SALUTE, virus Aids sparito da otto anni in bimba nata sieropositiva


Una bambina sudafricana nata con l'Aids è virtualmente guarita, o quantomeno ha mantenuto il livello del virus nel sangue sotto al tasso rilevabile, per almeno otto anni grazie a una terapia aggressiva subito dopo la nascita. Il caso è stato presentato oggi ad una conferenza sull'Aids in corso a Parigi, ed è il terzo di questo genere in pochi anni.

La malattia, spiega il comunicato del Nih statunitense, è stata diagnosticata nella bimba a 32 giorni di età; poi è stato subito avviato il trattamento a base di farmaci antiretrovirali per 40 settimane. Il livello del virus, controllato periodicamente, è rimasto sotto il limite rilevabile dai test.

"Servono maggiori studi per capire come stimolare la remissione del virus nei bambini infetti - commenta Anthoni Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases -. Tuttavia questo caso rafforza la speranza che trattando un bambino sieropositivo durante l'infanzia potremmo risparmiargli il peso di una terapia per tutta la vita".

Gli altri due casi simili riguardano una bambina francese, trattata fino a 6 anni di età e che fino ai 20 non ha mostrato segni di ritorno del virus, e un neonato del Mississippi in cui però l'Hiv è tornato due anni dopo aver interrotto le terapie. Allo stesso congresso sono stati riportati i risultati del test di fase 1, sempre condotti dal Nih, di un vaccino contro l'Hiv. I 400 volontari che lo hanno provato hanno avuto una buona risposta immunitaria e nessun effetto collaterale, tanto che a fine 2017 inizieranno in Africa le sperimentazioni di fase 2, per verificare l'efficacia nel prevenire l'infezione.











VISITA IL SITO NUTRILAB