Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Salute e Benessere
Typography

E' entrata in vigore dieci anni fa, e avrebbe bisogno come minimo di un 'tagliando', visto che i suoi effetti sembrano ormai esauriti.

E' entrata in vigore dieci anni fa, e avrebbe bisogno come minimo di un 'tagliando', visto che i suoi effetti sembrano ormai esauriti.

La legge Sirchia, adottata il 10 gennaio 2005, ha contribuito a ridurre molto il numero di fumatori, ma il trend sembra essersi arrestato, con la prevalenza che tra le donne è addirittura in crescita. Secondo le cifre del rapporto curato da Istituto Superiore di Sanità e Istituto 'Mario Negri' di Milano i fumatori in Italia sono 11,3 milioni, pari al 22% della popolazione: 6,2 milioni di uomini (il 25,4%) e 5,1 milioni di donne (18,9%). Gli ex fumatori sono 6,6 milioni (il 12,8%), dei quali 4,6 milioni sono uomini e 2 milioni sono donne.

Per la prima volta dal 2009 si osserva un aumento della prevalenza di fumatrici, che passano dal 15,3% del 2013 al 18,9% del 2014. Viceversa si osserva un lieve, ma costante, decremento della prevalenza di fumatori, che passano dal 26,2% al 25,4%. Per Silvio Garattini, direttore dell'istituto 'Mario Negri', ''la legge Sirchia andrebbe completata con almeno due innovazioni: da una parte i divieti andrebbero aumentati ed estesi, ad esempio, agli stadi; dall'altra bisognerebbe aumentare il prezzo perchè è dimostrato che questo diminuisce i fumatori''.

Un difetto della legge, rileva Garattini, è che ha fatto terminare le campagne pubbliche contro il fumo. ''Si è pensato che la legge fosse sufficiente - spiega - e quindi da dieci anni non si vede più una campagna, mentre serve anche la sensibilizzazione''.

VISITA IL SITO NUTRILAB

p2