Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Virus del Nilo, nel mantovano due casi confermati e uno sospetto
Salute e Benessere
Typography

Nel Basso Mantovano in queste settimane si sono verificati due casi confermati e uno sospetto di virus del Nilo occidentale.

Nel Basso Mantovano in queste settimane si sono verificati due casi confermati e uno sospetto di virus del Nilo occidentale.

Virus del Nilo, nel mantovano due casi confermati e uno sospetto
Virus del Nilo, nel mantovano due casi confermati e uno sospetto

Lo precisano all'Adnkronos Salute dal Servizio di Igiene pubblica della Asl di Mantova, che è in attesa dei risultati di laboratorio sull'ultimo paziente. Il protocollo della Asl prevede che, in caso di conferma, si esegua una disinfestazione dalle zanzare nella zona di provenienza del paziente e una bonifica dell'area.

Intanto il Sistema di Sorveglianza entomologica e veterinaria del Piemonte ha rilevato alcune positività alla ''Febbre del Nilo'' (o 'West Nile') in zanzare e uccelli, in alcune aree al momento ristrette alle province di Novara e di Alessandria (già interessate anche l'anno scorso). Lo precisa la Regione Piemonte in una nota specificando che il virus ''è presente già da anni in altre Regioni italiane e il suo riscontro nelle zanzare e negli uccelli consente di attivare tempestivamente misure di prevenzione alla diffusione nell'uomo nei territori interessati''.

In Piemonte ''non si è finora registrata alcuna positività in essere umani, e le notizie relative a un ricovero riguardano un paziente della Lombardia, lì diagnosticato e successivamente trasferito in Piemonte''. Per quanto riguarda la trasfusione del sangue (e dei suoi ''emocomponenti'') la prevenzione si articola su due livelli: nell'area interessata tutte le donazioni sono sottoposte prima del rilascio a un test specifico, pertanto nelle province di Novara e Alessandria non vi è alcuna sospensione delle donazioni; nelle altre province di tutto il territorio italiano i donatori che abbiano soggiornato almeno una notte nelle aree in cui è stata rilevata la circolazione virale sono sospesi per 28 giorni.

VISITA IL SITO NUTRILAB

p2