Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Hot dog e salsicce come fumo e alcol, Oms: "Carne lavorata aumenta rischio cancro"

Salute e Benessere
Typography

L'abuso di carne lavorata (secca e in scatola, hot dog, prosciutto e salsicce) è una minaccia per la salute e un rischio cancerogeno simile a quello del fumo e dell'alcol.

Lo ha stabilito l'International Agency for Research on Cancer (Iarc) dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) in uno studio pubblicato su 'Lancet Oncology'. L'Iarc ha affidato a un gruppo di 22 esperti, provenienti da 10 paesi, il compito di esaminare la letteratura scientifica (800 ricerche) esistente sull'associazione tra il consumo di carne rossa, anche lavorata, e una dozzina di tumori. Ebbene, gli esperti hanno concluso che per ogni porzione di 50 grammi di carne lavorata consumati al giorno il rischio di cancro del colon-retto aumenta del 18%. Ma lo stesso legame è stato osservato con i tumori del pancreas e alla prostata. Il gruppo di esperti ha inserito la carne lavorata nel 'Gruppo 1' delle sostanze cancerogene dell'Iarc, evidenziando che ci sono "sufficienti prove che l'elevato consumo di questo tipo di alimento può aumentare il rischio di cancro del colon-retto".

Mentre la carne rossa è stata inserita nel 'Gruppo 2', secondo gli esperti in questo caso il rischio "è probabile ma non certo perché ci sono prove limitate che il consumo di questo alimento possa provocare il cancro negli esseri umani". Nel 'Gruppo 1' dell'Iarc sono raggruppate altre 113 sostanze che hanno dimostrato in studi scientifici la loro cancerogenità: ad esempio l'alcol, il fumo o l'arsenico. Ora anche la carne lavorata. Il gruppo di lavoro dell'Iarc ha inserito nella definizione di 'carni rosse' manzo, vitello, maiale, agnello, montone, cavallo e capra. Mentre per 'carni lavorate', l'Iarc ha inteso quella trasformata attraverso la salatura, la stagionatura, la fermentazione, l'affumicamento o altri processi che ne aumentano il sapore o ne migliorano la conservazione.

"Per una persona il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto - ricorda Kurt Straif, capo dell'Iarc Monographs Programme - a causa del consumo di carne rimane basso, ma aumenta se si esagera con le quantità. In considerazione però del gran numero di persone che nel mondo mangiano giornalmente questo alimento, l'impatto globale sull'incidenza dei tumori è un fattore importante per la salute pubblica". "I risultati del gruppo di lavoro - sottolinea Christopher Wild, direttore dell'Iarc - devono far riflettere sulla possibilità di rivedere le attuali raccomandazioni sui limiti all'assunzione di carne. Allo stesso tempo però questo alimento ha un alto valore nutrizionale. Quindi è essenziale che i governi e le agenzie regolatorie internazionali intervengano per bilanciare i rischi e i benefici del consumo di carne rossa e lavorata e forniscano le migliori raccomandazioni dietetiche alla popolazione".

VISITA IL SITO NUTRILAB