Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

I medici incrociano le braccia, mercoledì 2 milioni di prestazioni a rischio

Salute e Benessere
Typography

Sono 2 milioni le prestazioni sanitarie che potrebbero saltare per lo sciopero dei medici in programma mercoledì 16 dicembre.

A rischio tutti i servizi, compresi gli esami di laboratorio - vista l'adesione di tutte le sigle sindacali dei camici bianchi - dagli interventi chirurgici (tra i 25mila e i 40mila quelli programmati che potrebbero essere rinviati), alle visite specialistiche (190mila). E ancora 80mila esami radiografici e 250 visite pediatriche. La stima - fatte salve le prestazioni d'urgenza e garantite per legge - arriva dai sindacati che oggi, in conferenza stampa a Roma, hanno ribadito le ragioni dello sciopero generale contro una "sanità in pezzi".

I medici hanno ricordato le molte ragioni della loro mobilitazione, che partono da una difesa del servizio sanitario pubblico e del diritto alla salute e comprendono la pari dignità dei pazienti nelle diverse realtà regionali. Ma i camici bianchi difendono anche la dignità del loro lavoro e il futuro dei giovani dottori e si battono contro i tagli alle prestazioni ai cittadini e l'indifferenza del governo ai problemi della sanità. Tra le manifestazioni previste mercoledì è in programma un sit-in con tutti i leader dei sindacati medici all'ospedale San Camillo di Roma, che spiegheranno a stampa e cittadini le ragioni della loro protesta. "La battaglia ripartirà a gennaio", ha annunciato Giacomo Milillo, segretario nazionale della Fimmg, durante la conferenza stampa. "Appena i termini della legge sullo sciopero lo consentiranno - ha detto - rilanceremo con 2 giorni di sciopero".

I medici di famiglia, in particolare, "organizzeranno lo sciopero telematico, ovvero giornate in cui non vengono spediti i documenti telematici, come i certificati Inps - ha spiegato Pina Onotri, segretario nazionale dello Smi - Una protesta amministrativa che il governo sente molto di più che l'astensione dalle visite non urgenti". "Abbiamo in programma una mobilitazione articolata nei prossimi mesi. Non molleremo - ha avvertito Milillo - fino a quando il governo non incontrerà i sindacati dei medici per un patto serio sulla professione".

VISITA IL SITO NUTRILAB