Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Dormire sconfigge l'influenza: merito di una proteina attiva durante il sonno

Salute e Benessere
Typography

A volte i rimedi "della nonna" si rivelano scientificamente provati. Secondo uno studio dell'Università di Washington, dormire aiuta a combattere l'influenza.

Il centro della ricerca riguarda la scoperta dell'Acpb, una speciale proteina prodotta dal cervello capace di attivare durante il sonno una catena di azioni antinfiammatorie che combatterebbero i sintomi dall'influenza, favorendo il processo di guarigione. Nel cervello dei topi - La proteina "miracolosa" è stata individuata per il momento soltanto nel cervello dei topi. Si chiama Acpb e lavora in collaborazione con l'interleuchina-1 per la corretta regolazione del sonno negli animali sani, inducendo sonnolenza in quelli malati per favorirne il recupero.

Il team di ricercatori guidato da James Krueger ha analizzato il decorso dell'influenza provocata dal virus H1N1 su due gruppi di roditori, uno "sano" e l'altro privato geneticamente della proteina Acpb. Il primo gruppo ha mostrato le tipiche risposte immunitarie e dormito molto di più del secondo, i cui membri hanno invece sviluppato sintomi più gravi e una mortalità più elevata. Verso farmaci più efficaci - La scoperta potrebbe quindi portare allo sviluppo di una nuova generazione di farmaci, sotto forma di spray nasali, a base di Acpb per aiutare l'organismo a combattere influenza in modo completamente nuovo.

VISITA IL SITO NUTRILAB