Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

L'arma contro i super batteri? Si trova nel naso: scoperto un potente antibiotico ''umano''
Salute e Benessere
Typography

Prodotto da un batterio "buono" che vive nelle narici, l?anti microbico apre la strada a nuove terapie

Gli antibiotici del futuro contro i superbatteri resistenti ai farmaci vengono prodotti naturalmente... dal nostro naso.

Prodotto da un batterio "buono" che vive nelle narici, l?anti microbico apre la strada a nuove terapie

Gli antibiotici del futuro contro i superbatteri resistenti ai farmaci vengono prodotti naturalmente... dal nostro naso.

L'arma contro i super batteri? Si trova nel naso: scoperto un potente antibiotico ''umano''
L'arma contro i super batteri? Si trova nel naso: scoperto un potente antibiotico ''umano''

 

E' quanto hanno scoperto i ricercatori dell'Università di Tubinga, in Germania, i quali per la prima volta hanno individuato un nuovo potente antibiotico prodotto da un batterio "buono" che vive e prolifera proprio nelle narici. Lo studio, descritto sulla rivista Nature, apre la strada a nuove terapie antimicrobiche.Lotta agli stafilococchi - Analizzando i tamponi nasali di quasi 200 pazienti, gli studiosi hanno osservato che dove prosperava il batterio Staphylococcus lugdunensis c'era pochissimo spazio per il rivale Staphylococcus aureus. Questo perché il primo è in grado di produrre un potente antibiotico efficace nell'uccidere il secondo, senza che esso sviluppi resistenza. In media S. aureus riesce a colonizzare solo tre nasi su dieci.

Efficacia diffusa - Test di laboratorio hanno dimostrato che la molecola è in grado di eliminare anche il temibile stafilococco resistente alla meticillina (Mrsa), sempre più diffuso nelle corsie ospedaliere, gli enterococchi resistenti alla vancomicina e altri batteri gram-positivi. Successivamente l'antibiotico è stato utilizzato anche in un esperimento sui topi, dove si è dimostrato in grado di curare un'infezione della pelle da S. aureus.

La caccia agli antibiotici continua - Considerando che S. lugdunensis è presente solo nel 10% della popolazione e che S. aureus si trova invece nel 30% delle persone, è probabile che nel naso ci siano ancora da scoprire molti altri batteri "buoni" e "armati" di tutto punto con antibiotici efficaci contro lo S. aureus. E' quanto affermano in un articolo di commento Kim Lewis e Philip Strandwitz, biologi dell'Antimicrobial Discovery Center presso la Northeastern University di Boston. Si prepara dunque una vera e propria rivoluzione per la ricerca di nuovi antibiotici, che non dovranno più essere cercati soltanto fra i microrganismi del suolo (come si è fatto spesso in passato), ma anche all'interno dello stesso corpo umano.

VISITA IL SITO NUTRILAB

p2

b2

b1

p4

p5

sbevozx_300x250.jpg

roar2_300x250.jpg

Creative iRoar Bundle_300x250

X7_300x250.jpg

x7_limited_300x250.jpg

p6

Banner e logo Volagratis 300 x 250