Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Vedova ottiene il via libera all'impianto di embrioni congelati da 19 anni

Salute e Benessere
Typography

Il tribunale civile di Bologna con un provvedimento d'urgenza ha disposto l'ok all'impianto di embrioni congelati 19 anni fa da una coppia ferrarese, anche se il marito è morto nel 2011.

La donna, oggi 50enne, se lo vorrà potrà procedere all'intervento al Policlinico Sant'Orsola di Bologna. Il suo ricorso era stato rigettato in primo grado. "Si tratta di un pronunciamento in difesa della vita e di un'affermazione del diritto della donna", dichiara all'Adnkronos Salute l'avvocato Boris Vitiello, legale della signora. La coppia era ricorsa alle tecniche di procreazione medicalmente assistita al Sant'Orsola nel 1996, prima che la legge 40 del 2004 imponesse i suoi paletti alla crioconservazione. Dopo alcuni tentativi andati male, spiega il legale, gli embrioni rimasti erano quindi stati congelati. Negli anni successivi, per una serie di vicende personali, moglie e marito avevano smesso di cercare un figlio, continuando comunque a manifestare di anno in anno la volontà di mantenere i propri embrioni che dunque "non potevano considerarsi 'abbandonati'", precisa l'avvocato della donna.

Nel 2011 l'uomo viene a mancare e la donna, dopo la morte del marito, decide di ritentare una gravidanza con gli embrioni congelati. Ma la direzione del Policlinico bolognese dice di no, ricostruisce ancora il legale, temendo di incorrere in una sanzione alla luce di un passaggio della legge 40, in cui si parlava di "genitori entrambi viventi". Si apre quindi il contenzioso con il primo ricorso in via d'urgenza, ex articolo 700 del Codice di procedura civile. Il primo grado è andato male mentre il secondo, discusso a fine 2014, ha dato ragione alla donna. La decisione dei giudici "afferma innanzitutto il diritto della donna a provvedere come vuole ai propri embrioni congelati - commenta l'avvocato Vitiello - In secondo luogo rappresenta una maggiore tutela per gli embrioni stessi che, pur non risultando abbandonati, di fatto non potevano essere impiantati".

E' tecnicamente "possibile che embrioni, dopo 19 anni dal loro congelamento, possano dare luogo a una gravidanza evolutiva. Anche se non è sicuro". Così Claudio Giorlandino, ginecologo e segretario della Sidip Italian College of Fetal Maternal Medicine, interviene sulla sentenza del tribunale di Bologna che ha ordinato l'impianto di embrioni creati 19 anni fa in una donna di 50 anni, accogliendo il riscorso della signora. "La letteratura medica - prosegue l'esperto - dimostra che esiste un progressivo decadimento della qualità degli embrioni a partire da 5/6 anni di crioconservazione, ma i pochi casi che sono stati impiantati dopo i 10 anni in effetti non sembrano essere impossibilitati a svilupparsi positivamente. Vi sono infatti segnalazioni sporadiche di embrioni che hanno dato gravidanze evolutive anche dopo 19 anni. Auguriamo un esito positivo anche a questa donna".

VISITA IL SITO NUTRILAB