Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La felicita', cosa possiamo fare per ''produrla''
Salute e Benessere
Typography

La felicità non dipende da qualcosa o qualcuno, nessuno ce la può regalare, è qualcosa che viene da dentro, dal profondo.

La felicità non dipende da qualcosa o qualcuno, nessuno ce la può regalare, è qualcosa che viene da dentro, dal profondo.

La felicità nel dipingere: Pierre-Auguste Renoir, Le bagnanti
La felicità nel dipingere: Pierre-Auguste Renoir, Le bagnanti

 

C’è una tecnica che utilizzo durante i "gruppi del giovedì" presso il Centro Riza di medicina naturale di Milano, che si basa su questo: quando arriva una profonda tristezza, una malinconia che a tutti può capitare di provare, la reazione automatica è quella di cercare di mandarla via.

Al contrario, io suggerisco di immaginare, a occhi chiusi, di incontrare una donna di altri tempi… Questa donna ha vicino una sorgente d’acqua da cui parte un fiume che ci bagna piedi, gambe, pancia, petto e noi cominciamo a nuotare in quest’acqua che all’inizio è molto scura, è l’acqua della tristezza. In quest’acqua bisogna buttare tutte le cose inutili che facciamo, le relazioni che non funzionano, gli obblighi presunti cui ci sottoponiamo... Poi, immaginiamo che a un certo punto da questa donna d’altri tempi arrivi del latte... Questa donna ci sta allattando, e noi ci nutriamo del suo latte, che ci regala un’energia sconosciuta, l’energia della rinascita, della vita che scorre, della felicità che torna a splendere dentro di noi…provate anche voi!

 

raffaele-morelli

Fonte: Riza.it - autore: Raffaele Morelli

VISITA IL SITO NUTRILAB

p2