Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Cuore, primo trapianto di organo non battente in Europa. Eseguito in Gb su un 60enne

Salute e Benessere
Typography

Dopo il debutto di questa tecnica pochi mesi fa in Australia, è stato eseguito in Gran Bretagna il primo trapianto di cuore 'morto' in Europa.

Nel Cambridgeshire i chirurghi hanno portato a termine con successo questo intervento da primato, con un cuore 'non battente', su un uomo di 60 anni. Di solito nei trapianti il cuore viene espiantato da persone in morte cerebrale, con il muscolo cardiaco che ancora batte. In questo caso particolare invece, riferisce la Bbc, l'organo proveniva da un donatore con cuore e polmoni che avevano smesso di funzionare, dunque in morte circolatoria. Gli esperti dell'Ospedale di Papworth spiegano che la tecnica potrebbe aumentare il numero di cuori disponibili almeno del 25%. A ricevere il cuore 'morto' è stato Huseyin Ulucan, 60enne di Londra. L'uomo aveva subito un attacco di cuore nel 2008. "Prima della chirurgia riuscivo a malapena a camminare", ha raccontato, dicendosi entusiasta del suo miglioramento dopo il trapianto.

"Ora mi sento più forte ogni giorno e sono entrato in ospedale questa mattina senza alcun problema", ha detto alla stampa. In Gran Bretagna, come in tutto il mondo, la domanda di organi per il trapianto supera l'offerta e la lista d'attesa è lunga. Finora nel caso di un decesso e cuore non battente si potevano donare reni, fegato e altri organi. La nuova procedura utilizza una macchina detta 'heart in a box' (cuore in una scatola), che consente di riavviare il cuore cinque minuti dopo la morte, e di alimentarlo con sangue e sostanze nutritive ad hoc, mantenendolo a temperatura corporea. Ma come funziona la tecnica, e come essere sicuri che dopo aver smesso di battere l'organo non sia stato danneggiato? Lo spiega Stephen Grande Large, che ha eseguito l'intervento: "Abbiamo monitorato il cuore pulsante per circa 50 minuti, e controllandolo siamo stati in grado di dire che era in ottime condizioni".

L'organo è stato quindi rimosso e trasferito nella macchina, dove è stato alimentato e ha pulsato per altre tre ore prima del trapianto. Il sistema viene già utilizzato anche per consentire la sopravvivenza di polmoni, fegato e reni fuori del corpo. Il metodo standard per il trasporto degli organi è quello di imballarli sotto ghiaccio, ma alcuni possono essere danneggiati. La TransMedics, società statunitense che produce la macchina, spiega che ogni unità per il 'cuore nella scatola' costa 150.000 sterline più altre 25.000 sterline per ogni paziente trapiantato. Gli ospedali di Papworth e di Harefield sono le uniche due unità di trapianto di cuore nel Regno Unito che utilizzano il dispositivo. Le sperimentazioni della tecnica sono in corso in vari Paesi.

VISITA IL SITO NUTRILAB