Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Lorenzo beffa Rossi e conquista pole. Grande paura per Alex De Angelis
Altri Sport
Typography

Jorge Lorenzo ha conquistato la pole position del Gp del Giappone nella classe Motogp. Sul circuito di Motegi lo spagnolo, in sella alla Yamaha M1, ha girato in 1'43"790 precedendo di un soffio il compagno di squadra Valentino Rossi (1'43"871) e il connazionale della Honda Marc Marquez (1'44"216).

Jorge Lorenzo ha conquistato la pole position del Gp del Giappone nella classe Motogp. Sul circuito di Motegi lo spagnolo, in sella alla Yamaha M1, ha girato in 1'43"790 precedendo di un soffio il compagno di squadra Valentino Rossi (1'43"871) e il connazionale della Honda Marc Marquez (1'44"216).

In quarta e quinta posizione Andrea Dovizioso (1'44"322) e Andrea Iannone (1'44"436) che, in sella alle Ducati ufficiali, si sono piazzati davanti agli spagnoli Dani Pedrosa (1'44"582) su Honda e Aleix Espargaro (1'44"809) con la Suzuki. A completare la top ten i britannici Cal Crutchlow (1'44"932) con la Honda privata del team di Lucio Cecchinello e Bradley Smith (1'45"067) con la Yamaha Tech3 e lo spagnolo Maverick Vinales (1'45"081) con la Suzuki.

INCIDENTE PER DE ANGELIS IN QUARTE LIBERE MOTOGP - Grande paura per Alex De Angelis incappato in un brutto incidente nelle quarte prove libere del Gp del Giappone nella classe MotoGp sul circuito di Motegi. Il pilota sammarinese della ART è stato disarcionato dalla moto alla curva 9 ed è rimasto fermo per qualche secondo a bordo pista vicino alla moto andata distrutta dopo aver picchiato contro il guard rail. Soccorso dall'ambulanza il pilota è cosciente ed è stato trasportato in elicottero all'ospedale di Dokkyo per ulteriori accertamenti. "È una situazione di media gravità", ha commentato il responsabile della Clinica Mobile, il dottor Michele Zasa.