Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Volley Cosenza. Rebecca Napoli
Volley
Typography
“ Gli schiacciatori non parlano dell’alzata, la risolvono” – Julio Velasco
“ Gli schiacciatori non parlano dell’alzata, la risolvono” – Julio Velasco

Volley Cosenza. Rebecca Napoli
Volley Cosenza. Rebecca Napoli

SERVIZIO  – Il servizio è il gesto con il quale la giocatrice  a destra dietro (fuori dal rettangolo di gioco)  mette in gioco la palla dalla zona di servizio: per effettuare la battuta la giocatrice nella zona di servizio deve lasciare o lanciare la palla in aria (con una o entrambe le mani) e colpirla con una mano o qualsiasi altra parte del braccio. Ella ha otto secondi di tempo dal fischio dell’arbitro per effettuare la battuta e non deve, prima o durante il colpo, toccare il terreno di gioco, inclusa la linea di fondo campo. Può invece ricadere anche all’interno del campo dopo aver colpito la palla.

REBECCA  NAPOLI: l’intervista
La passione dello sport l’ha ereditata sicuramente dal papà Tommaso Napoli, allenatore professionista di calcio e con una egregia carriera da giocatore tra la serie C e  la serie A, allievo di Zdenek Zeman nel Foggia dei miracoli. 
Laureata in Scienze Motorie, ha un legame passionale per i colori sociali della Volley Cosenza. Anche quando per motivi di studio non potè essere del gruppo non faceva mancare il suo tifo dalla tribuna del palaferraro. Così come è da ricordare la sua “invasione di campo” dagli spalti a fine gara, nella finale di serie D (stagione 2013/2014), per festeggiare con  le compagne la conquistata promozione.
Schiacciatrice, un vero e proprio jolly d’attacco, tra le sue doti pallavolistiche una battuta molto potente e precisa, una intelligente visione di gioco e la sua concentrazione in qualsiasi momento della partita, anche quando viene chiamata nel sestetto a partita in corso, e sempre con il numero 1 sulle spalle. Nelle foto di squadra è sempre per scaramanzia  al centro in piedi.

“ Gli schiacciatori non parlano dell’alzata, la risolvono” – Julio Velasco

Nome: Rebecca Michela Napoli; Età: 23; Ruolo: Schiacciatrice; Segno zodiacale: Leone;

Colore preferito: giallo; Musica che ascolti: tutta; Canzone preferita: Perfect di Ed Sheeran; Film preferito: Save the last dance;

Un personaggio famoso da invitare a cena: Patrick Dempsey; Cibo preferito: pizza; Mare o Montagna: Mare; Cosa ami: I viaggi; Cosa odi: la falsità; Il tuo hobby: Pallavolo;

Tre aggettivi per definirti: solare-sincera-socievole; Il pregio che senti di darti: ottimista; Il difetto che ti riconosci: troppo emotiva; Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Sempre mezzo pieno;

Tre sogni nel cassetto: prendere la laurea magistrale in scienze motorie, andare a New York, diventare insegnante di educazione fisica;

Il tuo motto o citazione: vivi e lascia vivere; La parola che usi più spesso: comunque;

Tre caratteristiche che la giocatrice deve avere: determinazione - grinta - cuore; Il fondamentale più importante per te: la Battuta;

Il ruolo della pallavolo nella tua vita:  la pallavolo ha sempre rivestito un ruolo fondamentale nella mia vita. Ho rinunciato a tante cose in tutti questi anni ma l'ho sempre  fatto e  continuerò a farlo per la pallavolo.

Che emozione si prova a vincere una partita in campionato: sono tante le emozioni che si provano dopo una vittoria ed è addirittura difficile poterle spiegare, è cosi bello però condividerle con la proprio squadra e poterle esprimere con gli abbracci, le pacche, I sorrisi e buttandosi a terra.

Riesci ad alternare lo sport e lo studio (o lavoro) senza problemi?  Si, anche se in quest'ultimo anno è stato un pó più difficile.

Non solo pallavolo nella tua vita, quali sono gli altri progetti? Lavorare nell'ambito sportivo.

Qual è il tuo sogno da giocatrice della Volley Cosenza? Vincere il campionato!

Ci sono elementi che contraddistinguono la tua squadra e le tue compagne? La mia squadra è la mia seconda famiglia, ciò che ci contraddistingue è sicuramente il legame e la complicità che va anche oltre il campo da gioco.

Come vedi la tua squadra che sta per iniziare il nuovo campionato? La vedo determinata e pronta per poter aspirare a qualcosa di più grande.

Cosa senti di dire alla tua squadra in questo inizio di stagione? Quest'anno deve essere il nostro anno, abbiamo tutte le capacità, il nostro è un gran gruppo e l'unione fa la forza.

Cosa consiglieresti alle più giovani pallavoliste della Volley Cosenza? "L'unico cosa che sento di dire è di non mollare mai, qualsiasi cosa accada, se la Pallavolo è la vostra passione impegnatevi per raggiungere sempre risultati migliori.

La sua tesi di laurea e la sua preparazione sul Sitting Volley, ovvero la pallavolo paraolimpica, ha convinto la Volley Cosenza, a investire su Rebecca Napoli  per  promuovere l’attività sportiva a favore di persone con disabilità in una logica di interazione ed inclusività sociale. E sarà proprio la nazionale Italiana femminile di Sitting Volley protagonista in Calabria dapprima con un periodo di preparazione a Camigliatello Silano dal 24 al 27 agosto e poi con un collegiale a Villa San Giovanni dall’11 al 15 di ottobre, in vista della partecipazione ai campionati di categoria in programma a novembre in Croazia. Si sta verificando la possibilità di una presenza anche a Cosenza, sotto l’organizzazione del Comitato Provinciale della Fipav e della Volley Cosenza"











VISITA IL SITO NUTRILAB