Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Missione compiuta, New Horizons sfiora Plutone

Tecnologia
Typography

Storico sorvolo di New Horizons su Plutone.

La sonda spaziale sviluppata dalla Nasa, lanciata il 19 gennaio 2006, ha raggiunto alle 13:49 il pianeta nano dopo 9 anni e mezzo di viaggio nello spazio e oltre 4.8 miliardi di chilometri. La data di oggi è destinata a entrare nei libri di storia: la sonda sfiora Plutone passando ad appena 12.500 km di distanza dal pianeta nano. Gli scienziati, grazie a New Horizons, potranno studiare per la prima volta Plutone, uno dei pianeti più misteriosi del nostr

o sistema solare. Non nasconde il suo entusiasmo Roberto Battiston, presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana, che, intervistato dall'Adnkronos, commenta: "Questa missione è davvero entusiasmante" perché "in poche ore avremo le foto più precise e belle mai viste" del pianeta nano "anche se il Flyby è rapidissimo, direi quasi a volo di uccello". Questa missione, dice, "potrebbe aprire nuovi scenari".

Anche le ceneri dello scopritore di Plutone, "l'astrofilo poi diventato astronomo statunitense Clyde Tombaugh, hanno viaggiato intorno al pianeta nano oggi, racchiuse in un contenitore e poste a bordo della sonda della Nasa New Horizons", per volontà della moglie Patricia Tombaugh.

A confermarlo all'Adnkronos è il presidente dell'Uai-Unione Astrofili Italiani, Mario Di Sora. Il 25% del team impegnato nella storica missione è donna, sottolinea la Nasa che ha diffuso la foto delle 'dame' del pianeta nano immortalate presso la Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory, appena tre giorni prima dell'avvicinamento di oggi della sonda verso Plutone.