Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Intelligenza artificiale va regolata

Tecnologia
Typography

I progressi nell'uso dell'intelligenza artificiale vanno limitati per evitare che questa tecnologia possa danneggiare il genere umano. Lo afferma una lettera promossa dal Future of Life Institute e firmata da centinaia di ricercatori di tutto il mondo, fra cui Stephen Hawking ed Elon Musk.

La lettera è stata pubblicata due giorni fa sul sito dell'associazione e ha già centinaia di firme. L'intelligenza artificiale (AI), si legge, può farci raggiungere traguardi ambiziosi come l'eradicazione delle malattie o della povertà, ''ma deve fare solo quello che noi vogliamo che faccia''. La lettera, che è accompagnata da una sorta di 'linee guida' per indirizzare la ricerca su questo argomento, sottolinea come l'AI abbia portato grandi progressi in campi come l'analisi delle immagini, nelle auto senza pilota, nella mobilità dei robot, ma i progressi futuri devono essere monitorati.

Il concetto era già stato espresso da Hawking e Musk pubblicamente, con l'astrofisico britannico che si era addirittura detto sicuro della possibilità che un giorno le macchine possano sopraffare l'uomo, che è limitato nella sua evoluzione dalle leggi della biologia. ''A breve termine servono ricerche sugli effetti economici dell'uso dell'AI - scrivono - per evitare che i sistemi intelligenti facciano perdere il lavoro a milioni di persone. A lungo termine invece i ricercatori devono assicurarsi che, nel momento in cui l'Intelligenza Artificiale avrà il controllo delle infrastrutture, siano in campo anche mezzi di contenimento nel caso in cui ci siano avarie nel sistema''.

VISITA IL SITO NUTRILAB