Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più  leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

WEB, il 93% degli utenti condivide le proprie informazioni online

Tecnologia
Typography

Kaspersky, foto propri figli, dati finanziari e documenti

WEB, il 93% degli utenti condivide le proprie informazioni online
WEB, il 93% degli utenti condivide le proprie informazioni online

Il 93% delle persone condivide le proprie informazioni online, il 70% di queste posta foto e video dei propri figli. Sono i dati di una ricerca di Kaspersky Lab che sottolinea come "queste abitudini sono più forti tra i giovani, che rendono accessibili agli estranei un'elevata quantità di informazioni private".

Secondo l'analisi, quasi la metà degli utenti internet (44%) condivide informazioni personali online senza considerare che, una volta diventate di dominio pubblico, possono sfuggire al loro controllo. Inoltre, una persona su cinque ammette di condividere dati sensibili con persone che non conosce bene e con estranei, limitando così la possibilità di controllare il loro uso futuro. In questo modo, sottolinea Kaspersky Lab, ci si espone al furto d'identità o ad attacchi finanziari condividendo dettagli finanziari e di pagamento (37%), scansioni di passaporti, patenti e altri documenti personali (41%) o le proprie password (30%).

I giovani condividono più facilmente foto private in compagnia di altre persone: lo fa il 61% degli intervistati di età compresa tra i 16 e i 24 anni, rispetto a solo il 38% degli utenti con più di 55 anni. Questo atteggiamento riguarda anche le informazioni finanziarie: due giovani su cinque (42% delle persone tra i 16 e i 24 anni) condividono, infatti, i propri dettagli finanziari e di pagamento, mentre lo fa solo il 27% di chi ha più di 55 anni.

"Rivelando informazioni importanti con un semplice click si rinuncia al loro controllo, perché non si può essere sicuri di dove finiranno e come saranno usate. Gli utenti stanno letteralmente mettendo i loro dati nelle mani di estranei", dice Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab.











VISITA IL SITO NUTRILAB