Catanzaro, dipendente pubblico riceveva stipendio e pensione: scoperto dalla Gdf
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 783 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Catanzaro, dipendente pubblico riceveva stipendio e pensione: scoperto dalla Gdf

Catanzaro e Provincia
Typography

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro, nell’ambito di servizi di iniziativa a tutela della spesa pubblica, ha segnalato alla procura regionale della Corte dei Conti per la Calabria un danno erariale di quasi 700.000 euro.

Le indagini hanno avuto origine dalla vicenda di un dipendente pubblico di Catanzaro che, raggiunti i previsti limiti di età, aveva richiesto di essere posto in pensione, ottenendo contestualmente dall’Inps la corresponsione del trattamento pensionistico. Ma, una volta raggiunta la certezza della pensione, dopo pochissimi giorni il dipendente ha presentato domanda di riammissione in servizio presso la stessa azienda, confidando che le esigenze di organico gli avrebbero consentito di tornare immediatamente al suo posto, cosa che effettivamente è accaduta.

Nessuno tra i preposti a curare i rapporti con l’Inps ha segnalato all’ente di previdenza che il trattamento pensionistico avrebbe dovuto essere sospeso. Per i dipendenti pubblici, infatti, vige il cosiddetto divieto di cumulo tra pensione di anzianità e stipendio derivante dal rapporto di lavoro nuovamente instaurato. Il dipendente, grazie anche alla negligenza di altri tre preposti ai controlli di regolarità dell'azienda pubblica, è riuscito a vedersi indebitamente riconosciuta una duplice fonte di reddito in violazione di legge e in evidente danno alla spesa pubblica. L’intervento dei finanzieri ha consentito di portare alla luce le violazioni commesse e l’indebito beneficio protratto per ben sette anni, nonché di segnalare tutta la vicenda, individuandone i responsabili, all’autorità contabile.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003