Catanzaro: annullata confisca beni per 200 milioni
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 441 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Annullata confisca beni per 200 milioni

Catanzaro e Provincia
Typography

La Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio la confisca di beni per un valore di circa 200 milioni di euro all'imprenditore lametino Salvatore Mazzei, coinvolto e poi assolto in un'inchiesta di 'ndrangheta.

 

 

I giudici hanno accolto il ricorso del difensore di Mazzei, l'avv. Francesco Gambardella, contro il provvedimento del luglio 2012 dal Tribunale di Catanzaro. In quell'occasione erano stati confiscati 200 ettari di terreno, 70 fabbricati, l'albergo Aer Hotel Phelipe di Lamezia, 25 società nel settore del movimento terra, ed una cava in località San Sidero.

 

Mazzei, arrestato nel 2010 per concorso esterno in associazione mafiosa, era stato poi assolto perché il fatto non sussiste. Sentenza diventata definitiva. Nel frattempo era stata emessa la misura di prevenzione personale speciale - annullata dalla Cassazione nel 2013 - perché, in virtù dell'ordinanza di custodia cautelare e dalle vicende connesse alla cava, i giudici lo avevano qualificato come "soggetto pericoloso".

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003