Catanzaro: giovane ucciso, padre incontra Gratteri
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 782 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Catanzaro: giovane ucciso, padre incontra Gratteri

Catanzaro e Provincia
Typography

Si è incatenato davanti alla Procura della Repubblica di Catanzaro, Martino Ceravolo, padre di Filippo, il 19enne di Soriano Calabro ucciso per errore in un agguato il 25 ottobre del 2012 nelle Preserre vibonesi.

 

 

Una protesta, quella di Ceravolo, attuata, come ha spiegato lui stesso, per richiamare l'attenzione delle istituzioni sul suo caso. Poco dopo il suo arrivo l'uomo è stato ricevuto dal Procuratore della Repubblica, Nicola Gratteri, dall'aggiunto Giovanni Bombardieri e dal sostituto Camillo Falvo. Al termine del colloquio Martino Ceravolo ha interrotto la protesta. Nei mesi scorsi la Dda di Catanzaro aveva chiesto e ottenuto dal gip l'archiviazione del caso.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003