Catanzaro: confiscati beni per 2 mln a imprenditori
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Catanzaro: confiscati beni per 2 mln a imprenditori

Catanzaro e Provincia
Typography

Beni per oltre due milioni di euro sono stati confiscati dalla Dia di Catanzaro, con il coordinamento della Procura distrettuale, a due imprenditori di Lamezia Terme Davide Orlando e Roberto Piacente ritenuti organici alla cosca Giampà.

 

Catanzaro: confiscati beni per 2 mln a imprenditori

 

Il provvedimento è stato emesso dalla dalla Corte d'Appello di Catanzaro ed è divenuto definitivo dopo la pronuncia della Cassazione. Orlando e Piacente erano stati arrestati e condannati per associazione a delinquere di stampo mafioso nell'ambito dell' operazione denominata "Piana". L'iter giudiziario è iniziato nel maggio del 2013 con l'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nei confronti di quattro soggetti, tra cui i due imprenditori. In particolare è emerso gli Orlando e Piacente riuscivano ad ottenere l'assegnazione di consistenti appalti, scavalcando la concorrenza. Ai due imprenditori sono state confiscate quote sociali e l'intero compendio di due aziende di calcestruzzo, beni immobili, mobili registrati e mezzi industriali.