CATANZARO, sciopero telecomunicazioni, tre presidi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 736 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

CATANZARO, sciopero telecomunicazioni, tre presidi

Catanzaro e Provincia
Typography

Iniziative davanti alle sedi di Confindustria, riaprire tavoli

 

CATANZARO, sciopero telecomunicazioni, tre presidi
CATANZARO, sciopero telecomunicazioni, tre presidi

CATANZARO, 1 FEB - Manifestazioni di protesta stamani davanti alle sedi di Confindustria di Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria dei lavoratori del comparto telecomunicazioni in occasione dello sciopero di otto ore proclamato dai sindacati di categoria Slc Cgil Fistel Cisl e Uilcom. I lavoratori chiedono il rinnovo del contratto nazionale di lavoro scaduto da oltre due anni. "Oggi siamo in piazza - afferma Cristina Spadafora, della Fistel Cisl Calabria - per chiedere la riapertura del tavolo di contrattazione per rinnovo del contratto, che non avviene da due anni, e perché le proposte del sindacato sono state tutte respinte a favore delle aziende. Nella sola provincia di Cosenza - prosegue Spadafora - l'indotto delle telecomunicazioni include oltre cinquemila lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato, a questi si aggiungono altri tremila lavoratori con contratti a tempo determinato".

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003