Baltimora in fiamme, in strada 5mila soldati della Guardia nazionale
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 820 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Baltimora in fiamme, in strada 5mila soldati della Guardia nazionale

Mondo
Typography

Scene di guerriglia urbana a Baltimora dove, dopo una nuova giornata di scontri, rivolte e incendi, il governatore del Maryland ha ordinato l'intervento della National Guard per sedare la sommossa scoppiata dopo i funerali di Freddie Gay, il giovane afroamericano rimasto ucciso durante l'arresto la scorsa settimana.

"Saremo presenti in forze per le strade, pattugliandole a sostegno della polizia di Baltimora", ha detto il generale Linda Singh, dopo l'annuncio dell'arrivo di 5mila soldati della Guardia nazionale, sottolineando comunque che questo non significa che verrà imposta la legge marziale nella città. Il governatore Larry Hogan, per poter ordinare l'intervento delle forze militari, ha dichiarato lo stato di emergenza nello stato dopo che la giornata di ieri si è concluso con il bollettino di guerra di 27 arresti e 15 poliziotti feriti, due dei quali in modo grave, secondo quanto riportato dal colonnello della polizia Darryl DeSousa. La rivolta è scoppiata quando giovanissimi afroamericani sono scesi in strada dopo la chiusura delle scuole, scagliando pietre contro la polizia in tenuta anti-sommossa e contro le auto della polizia.

Secondo quanto riportano i media locali, i ragazzi hanno risposto ad un appello alla rivolta diffuso attraverso i social media. A questo hanno risposto, sempre via Twitter, i poliziotti invitando i genitori dei ragazzi ad intervenire per riportare i ragazzi a casa: "Chiediamo ai genitori di riportare i figli a casa, non vogliamo che nessuno si faccia del male". Il sindaco di Baltimora, l'afroamericana Stephanie Rawlings-Blake, ha definito quelli che hanno incitato la rivolta dei "criminali che vogliono incitare alla violenza e distruggere la nostra città" ed ha annunciato che questa sera scatterà il coprifuoco alle 10 di sera fino alle cinque del mattino. Oggi le scuole rimarranno chiuse.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003