Raid su ospedale di Medici senza frontiere in Afghanistan, Obama: 'Aperta inchiesta'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Annunci AdSense
home-1-ads-pct-tda-002

Abbiamo 695 visitatori e nessun utente online

Annunci - il Centro Tirreno
home-1-ads-pct
Annunci AdSense
article-top

Raid su ospedale di Medici senza frontiere in Afghanistan, Obama: "Aperta inchiesta"

Mondo
Typography

Barack Obama annuncia un'inchiesta approfondita sul raid che ha provocato almeno 19 morti nell'ospedale di Medici Senza Frontiere a Kunduz, in Afghanistan.

"A nome del popolo americano - ha dichiarato in un messaggio diffuso in nottata - faccio le mie più profonde condoglianze per il personale medico e gli altri civili uccisi e feriti nel tragico incidente che si è verificato nell'ospedale di Medici Senza Frontiere a Kunduz". "Il Dipartimento alla Difesa - ha aggiunto - ha aperto un'inchiesta approfondita e aspetteremo l'esito di tale inchiesta prima di emettere un giudizio definitivo riguardo alle circostanze di questa tragedia.

Ho chiesto al Dipartimento alla Difesa di tenermi informato ed attendo un resoconto approfondito dei fatti e delle circostanze. Michelle ed io rivolgiamo i nostri pensieri e le nostre preghiere a tutti i civili colpiti da questo incidente, alle loro famiglie, ai loro cari". Tra le vittime figurando 12 dipendenti di Msf e 7 pazienti, tra cui 3 bambini. Trentasette i feriti, tra cui 19 dipendenti della Ong. Un portavoce delle forze americane in Afghanistan, il colonnello Brian Tribus, ha affermato che le forze americane hanno effettuato un raid a Kunduz "contro individui" che costituivano una minaccia per le forze.

"Il raid può aver provocato danni collaterali in una struttura medica vicina". Medici senza frontiere, da parte sua però, ribadisce la richiesta di un'indagine indipendente sul raid. "Si tratta di una grave violazione del diritto umanitario internazionale", ha sottolineato Msf, facendo notare che il bombardamento è proseguito anche dopo che i militari afgani e americani erano stati informati dell'attacco in corso contro l'ospedale. La missione Nato in Afghanistan, intanto, ha annunciato di aver dato disposizioni per l'avvio di "un'inchiesta preliminare multinazionale", nota come Casualty Assessment Team. I risultati saranno disponibili prevedibilmente entro pochi giorni.

Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-pct-tda-003